News

Addio Dolores: 7 cose da sapere sulla cantante dei Cranberries

Cecilia Dardana
19 gennaio 2018

Una voce graffiante, riconoscibile fin dalla prima nota per il suo accento, a volte carica di dolore. Quel dolore adesso invade gli animi di milioni di fan e, ancora di più, quel dolore era presente fin nel suo stesso nome: Dolores O’Riordan, la celebre cantante dei Cranberries, che ha fatto sognare generazioni di giovani.

È morta lunedì 15 gennaio, a 46 anni, lasciando tre figli e il fidanzato Olé Koretsky che, solo dopo giorni, rompe il silenzio per dire quanto sia immenso il dolore che prova. Il suo corpo è stato trovato all’Hilton di Park Lane, a Londra, dove la frontwoman del gruppo rock irlandese si trovava per una breve sessione di registrazione. Le circostanze non sono del tutto chiare, anche se la polizia ha motivo di credere che non siano sospette.

È stata sconfitta, Dolores, da quest’ultima battaglia, dopo che nella sua vita, di battaglie, ne ha combattute e vinte tante: dalle molestie subite quand’era giovanissima all’anoressia, dalla depressione fino addirittura al tentato suicidio. Niente però le ha impedito di ottenere un successo enorme in tutto il mondo, a partire dagli anni Novanta, che l’hanno incoronata come una dea ricoperta d’oro, come si vedeva nel celebre video di Zombie, mentre cantava per l’Irlanda e le si spezzava il cuore per la sua terra.

Ma prima di darle un ultimo definitivo saluto, scopriamo insieme 7 cose da sapere sulla cantante dei Cranberries.

1- Dolores era nata nel 1971 a Limerick, nel sud ovest dell’Irlanda, aveva sei fratelli e diventò la voce dei Cranberries nel 1990, dopo aver letto un annuncio su un giornale locale (la band Cranberry Saw Us cercava una cantante). Insieme ai Cranberries pubblicò sette dischi, l’ultimo dei quali uscito nel 2017. Il loro primo successo fu la canzone Linger, del 1993, che raggiunse la Top 10 delle classifiche americane e irlandesi.

No Need To Argue, uscito nel 1994, fu il disco di maggiore successo, con circa 17 milioni di copie vendute nel mondo. Conteneva Zombie, la canzone che diede ai Cranberries la fama internazionale e che diventò una delle più famose degli anni Novanta. Fu scritta dopo gli attacchi di Warrington, compiuti nel 1993 dall’Irish Republican Army (IRA), l’organizzazione militare indipendentista irlandese, in cui furono uccisi un bambino di tre anni e uno di dodici: il testo della canzone parla delle violenze compiute nel Novecento nella lotta per l’indipendenza dell’Irlanda del Nord dal Regno Unito.

3- Nel 2003 i Cranberries si sciolsero, perché i membri volevano dedicarsi alle rispettive carriere da solisti: Dolores pubblicò da solista Are You Listening? nel 2007 e No Baggage nel 2009, prima di riunirsi con la band nello stesso anno.

4- O’Riordan aveva tre figli, avuti con il marito Don Burton, ex tour manager dei Duran Duran, dal quale si era separata dopo vent’anni di matrimonio nel 2014, cercando di nuovo una stabilità sentimentale con Olé Koretsky. Quello stesso anno, la cantante era stata arrestata all’aeroporto di Shannon, in Irlanda, perché aveva aggredito una hostess su un volo di linea e un agente di polizia che nel frattempo era intervenuto: non subì però una condanna perché le fu diagnosticato un disturbo bipolare.

5- Dolores raccontò di essere stata abusata quando era ancora giovanissima e che in seguito sviluppò un disturbo alimentare. “Lui (l’aggressore) mi masturbava quando avevo otto anni. Andò avanti per quattro anni. Ero solo una bambina”, ha confessato in un’intervista all’Irish Independent.

6- “La depressione è la cosa peggiore che una persona possa affrontare”, disse una volta la cantante. Secondo quanto riporta Tmz, proprio per questi suoi disturbi, nel 2013 aveva tentato di togliersi la vita.

7- Nel maggio del 2017, dopo aver pubblicato una raccolta dei loro maggiori successi, i Cranberries avevano annullato il loro tour europeo dopo poche date, a causa dei problemi di salute di Dolores, che sul sito della band erano stati descritti come problemi alla schiena. Poco prima di Natale, la cantante aveva scritto un post su Facebook in cui diceva di sentirsi meglio e di aver cantato alcune canzoni a un evento privato. Lo scorso 4 gennaio aveva pubblicato una sua foto su Twitter dicendo “Andiamo in Irlanda”.


Potrebbe interessarti anche