Lifestyle

Addio stress: 15 minuti di solitudine al giorno fanno bene, a dirlo è la scienza

Beatrice Trinci
25 Luglio 2019

“Trascorri un po’ di tempo da solo ogni giorno”. Lo diceva anche il Dalai Lama, in uno dei suoi 18 principi fondamentali su come affrontare con saggezza la propria quotidianità.  Perché sì, allontanarsi momentaneamente da tutto e da tutti è un vero e proprio elisir di lunga vita, una pozione magica contro stress e iperattività.

A confermarlo oggi è anche la scienza. I risultati di una ricerca condotta da un team di psicologi americani dell’Università di Rochester, a New York, e poi pubblicata su “Personality and Social Psychology Bulletin”, ha rivelato che bastano 15 minuti al giorno in completa solitudine per ridurre istantaneamente emozioni negative, come l’irritabilità.

Nello specifico, lo studio ha analizzato il comportamento di 114 adulti, invitati a sedere in disparte per un quarto d’ora dopo aver sostenuto una conversazione. Il risultato? Chi ha scelto di dedicare quei preziosi minuti per stare con se stesso ha dimostrato un livello di benessere mentale, privo di agitazione e nervosismo, maggiore rispetto a chi ha scelto di passarli a contatto con terzi. E non importa se il tempo sia scorso leggendo un libro, fantasticando o semplicemente restando in silenzio: i benefici sono stati evidenti.

Inoltre, ad altri 173 volontari è stato chiesto di sfruttare quei famosi 15 minuti – non di celebrità, come voleva Warhol, ma di solitudine – per un’intera settimana, alternandoli a sette giorni di compagnia no stop. Ancora una volta stare da soli quando si sceglie di farlo aumenta la sensazione di pace, relax e spensieratezza.

Ma attenzione: il tempo che si sceglie di trascorrere in solitaria deve risultare un tempo di qualità, ovvero un momento in cui poter riflettere, ricaricare le energie, pianificare, meditare, ma anche preziosi minuti in cui dedicarsi alla lettura, alla musica, alla propria serie tv preferita. Insomma, regalarsi ogni giorno qualche minuto di sana solitudine è un fondamentale investimento per migliorare la qualità della propria vita, rafforzando la propria self confidence e ricordandoci che le energie più preziose sono quelle che abbiamo dentro, senza dover forzatamente fare affidamento alla compagnia onnipresente degli altri.

Che, quindi, la socialità sia sopravvalutata? Come per tutto, le esagerazioni sono nocive. Basta quindi trovare il giusto equilibrio tra vita sociale e vita privata, intesa come il momento in cui ci eclissiamo per ritrovare noi stessi.

E voi, programmi per i prossimi 15 minuti?



Potrebbe interessarti anche