Alberghi

Adler Lodge Ritten: il benessere di lusso che si affaccia sulle Dolomiti

Beatrice Trinci
19 Novembre 2019

Poco distante da Bolzano, immerso nella magia dei boschi dell’altopiano del Renon, sorge Adler Lodge Ritten, l’ultima impresa della famiglia Sanoner, proprietaria degli Adler Spa Resort & Lodges, che propone un accogliente rifugio a cinque stelle dotato dei comfort più ricercati.

Un luogo esclusivo, essenziale e confortevole, dove concedersi una pausa dalla frenesia cittadina, cullati dai colori e dai profumi della natura, che si fa vera protagonista. Un angolo di paradiso che ha tutti gli ingredienti per offrire una vacanza green e rigenerante. Nello specifico, la struttura si compone di un corpo centrale di tre piani con ampie vetrate e grandi open space che accolgono una infinity pool, una zona lounge e un’area fitness. Il Main Lodge, a sua volta, è circondato da 20 chalet dotati di sauna e caminetto, alcuni situati intorno ad un piccolo lago naturale, e di una suggestiva Spa immersa nel bosco con grande piscina riscaldata e bagno turco. Al primo piano delle suggestive casupole si trovano le sale dedicate a trattamenti personalizzati dove staccare la spina, prendendosi cura di sé e del proprio corpo attraverso l’utilizzo di prodotti rigorosamente naturali.

Progettata da Andreas e Klaus Sanoner insieme all’architetto Hugo Demetz, l’esclusiva struttura è stata costruita seguendo i dettami della bio-edilizia, con materiali autoctoni e a basso impatto ambientale. Il risultato? Un’eclettica architettura che diventa essa stessa parte del paesaggio, in un connubio tra arte africana e dei nativi d’America, tocchi in stile alpino, interni classici e complementi d’arredo provenienti dall’artigianato locale.

Adler Lodge Ritten non si dimentica poi dei buongustai, proponendo ai palati più fini piatti genuini a chilometro zero, preparati dallo Chef Hannes Pignater. Con l’obiettivo di far riscoprire i sapori locali, infatti, gli ingredienti scelti per il menù sono quelli tipici della cucina tirolese, con l’uso di erbe, radici, tuberi e verdure dei piccoli produttori locali; lo stesso accade per le bevande, dal succo di mela di montagna del Renon ai vini firmati da piccole cantine della zona a conduzione familiare.

Insomma, un luogo ameno, intimo e rilassato, che segue la filosofia del “Let your soul fly”, invitando ogni ospite a immergersi in un’esperienza totalizzante tra i panorami mozzafiato delle Dolomiti.

 

 



Potrebbe interessarti anche