Arte

Agostino Ferrari: il segno al Museo del Novecento a Milano

Elisa Monetti
14 luglio 2018

A Milano, il Museo del Novecento dedica un’eccezionale mostra interamente dedicata a uno dei più importanti protagonisti del panorama artistico italiano contemporaneo: Agostino Ferrari.

In programma fino al 28 ottobre, Agostino Ferrari: segni nel tempo, rappresenta una fedele biografia che racconta il ricchissimo percorso dell’artista.

Nato nel capoluogo lombardo, cresce immerso nei più creativi ambienti meneghini in cui da subito incontra successo con una prima personale presso la galleria Pater di Milano nel 1961. Appena un anno dopo, insieme ad  Angelo Verga, Ettore Sordini, Ugo La Pietra, Alberto Lucia e Arturo Vermi, fonda il gruppo del Cenobrio, primo ma fondamentale capitolo per quella che sarà la sua lunga ricerca dedicata alla tematica del segno.

Sempre coinvolto negli ambienti artistici a lui contemporanei, anche oltreoceano, Ferrari cresce ed approfondisce la sua poetica, il segno si evolve, diventa incisione, traccia o filo metallico; è con questo linguaggio che riesce a suscitare l’interesse prima, il sostegno poi, di importanti nomi del mondo dell’arte, tra cui Lucio Fontana.

Esplorati i più misteriosi meandri del pensiero, dato spazio alle sue più imprevedibili declinazioni, Ferrari ritorna alle origini, rifondando la sua arte su quelle che ne sono state le radici: il segno gestuale. Siamo a fine anni ’70 quanto tale cifra stilistica comincia ad emanciparsi dalle sovrastrutture e scorrere libera raggiungendo la completezza della sua potenza creativa. Da allora il segno rimane a identificare le opere di Ferrari, più esplicativo di una firma.

La mostra ripercorre tutti i momenti maggiormente determinanti nella carriera dell’artista. Il primo ambiente ospita nove opere di importanti dimensioni, testimoni dell’attività più recente, con un inedito creato ad hoc per l’occasione. L’archivio accoglierà invece pezzi più piccoli per dimensioni ma giganti per l’importanza creativa che hanno ricoperto nella prima fase di attività. Saranno anche presenti diverse preziosissime testimonianze che indagano il modus operandi dell’artista.

Una mostra straordinaria per completezza e importanza delle opere esposte, una vera e propria biografia creativa di Agostino Ferrari.

 

Agostino Ferrari: segni nel tempo
22 giugno 2018 – 28 ottobre 2018
Palazzo Reale, Piazza del Duomo 12, Milano
Orari: lunedì 14:30 – 19:30; martedì / mercoledì / venerdì/ domenica 9:30 – 19:30; giovedì / sabato 9:30 – 22:30


Potrebbe interessarti anche