Arte

Aion: le sculture di Louise Manzon a Roma

Elisa Monetti
10 maggio 2018

Venti donne meravigliose e una assolutamente straordinaria: Louise Manzon, artista brasiliana, presenta a Roma Aion, una mostra eccezionalmente al femminile che parla di tematiche contemporanee.

Visitabile fino al 3 giugno, l’esposizione prende luogo al Circolo degli Esteri, suggestiva location sul lungotevere. Per l’occasione l’artista ha realizzato venti statue di donne, vestite di materiali poveri quali fili di ferro, frammenti di reti metalliche, cocci di ceramica, splendide e maestose che più che con le grandi corone, create della stessa materia degli abiti, veicolano la loro regalità con una perfetta eleganza. Colli lunghi e sottili come fossero cigni, visi perfettamente scolpiti rivolti al cielo, in contemplazione, commuoventi per la loro bellezza.

È in questi perfetti corpi di donna vestiti del tempo di oggi che Louise Manzon incarna la sua riflessione su un tema attuale, evento ricorrente nei suoi lavori: il processo migratorio.

Schierate in gruppi o singolarmente, senza mai tradire la propria unicità, le regine di questa pacifica armata sono icone contemporanee di un percorso terreno che riconduce alla storia dell’umanità”, commenta il critico d’arte Luca Beatrice.

L’uomo e il tempo, i due grandi protagonisti del mondo di oggi. Proprio da uno di essi, il tempo, deriva il nome della mostra. È stata la saggezza del mondo greco a dividere il tempo in tre anime: Kronos lo scorrere delle ore, il passato, il presente e il futuro, Kairos il momento propizio, quello che per i latini sarà da cogliere, infine Aion l’eternità, la misura del tempo che supera l’uomo e conta la vita. Ed è a questa eternità che s’ispirano le donne immortali di Louise Manzon che con queste parole spiega il suo lavoro: “Rispecchia il perenne processo migratorio nella storia dell’uomo, che persiste da sempre e ci sarà per sempre, in quanto insito nella natura umana”.

Una mostra che parla dell’uomo di ieri, di oggi e di domani, che concentra l’umanità nel suo ventre e la racconta con la poesia di una, venti, madri, custodi del segreto della vita.

 

Aion
10 maggio 2018 – 3 giugno 2018
Circolo degli Esteri – Lungotevere dell’Acqua Acetosa 42, Roma


Potrebbe interessarti anche