News

Alberta Ferretti veste le damigelle di Chiara Ferragni

Martina D'Amelio
31 agosto 2018

Valentina e Francesca in primis, ovvero le sorelle della sposa. E poi Pardis Zarei, Veronica Ferraro, Martina Maccherone e Michela Gombacci, le amiche di sempre. Le damigelle di Chiara Ferragni faranno la loro apparizione in quel di Noto in occasione del matrimonio dei Ferragnez in abiti disegnati appositamente per loro dalla stilista Alberta Ferretti.

Dopo aver comunicato sul proprio profilo Instagram che Maria Grazia Chiuri la vestirà nel giorno delle nozze, Chiara non ha rivelato ulteriori dettagli in merito agli altri dress che vedremo al ricevimento. La notizia arriva direttamente dalla casa di moda, che sottolinea inoltre che gli abiti delle 6 damigelle dell’influencer da 14 milioni di followers saranno realizzati in collaborazione con Eco-Age, l’associazione che da sempre si batte sul campo della moda sostenibile.

Come saranno questi vestiti? Ecologici. E poi, in georgette di seta rosa plissé con intarsi di pizzo, declinato in due versioni – con profonda scollatura a V o con scollo a cuore.

Quando mi è stato chiesto da Chiara di disegnare gli abiti per le sue damigelle ho subito accettato, pensando a un modo per rendere questo progetto ancora più speciale. Il glamour e la moda sono sempre più attenti al mondo che ci circonda e alle cause meritevoli, quali l’ecosostenibilità. Con la creazione di questi abiti green abbiamo voluto rendere un evento così multimediale e virale come il matrimonio di Chiara e Fedez l’occasione per comunicare anche un messaggio di bellezza etica” ha dichiarato Alberta Ferretti.

Sono emozionata nel sapere che Alberta faccia parte di questo momento importante della mia vita. È stata una delle prime designer a credere in me, per questo sono certa che avere i suoi abiti eco per le mie damigelle possa essere un vero porta fortuna” ha commentato dal canto suo la bride-to-be, da sempre fan delle creazioni della designer. Non ci resta che attendere domani per ammirarli, almeno dallo schermo dei nostri smartphone.


Potrebbe interessarti anche