Beauty

Anti hangover beauty routine

Giovanna Lovison
1 gennaio 2018

Il copione è più o meno lo stesso: avete aperto gli occhi la mattina di lunedì primo gennaio 2018 e la situazione è davvero disastrosa. Avete fatto le ore piccole e, complice qualche bicchiere di champagne in più, vi sentite uno straccio? Niente paura! Nel caso non possiate passare l’intera giornata a poltrire sul divano ma dobbiate rendervi presentabili e incontrate amici o parenti, se seguirete passo passo la nostra Hangover Routine ritroverete la forma nel giro di un’oretta.

Per prima cosa, infilatevi sotto la doccia. Un bello scrub e uno shampoo rigenerante sono proprio il punto di partenza giusto per rimettervi in sesto e sciacquarvi letteralmente di dosso la stanchezza. Dopo di che, detergete il viso con una mousse illuminante come quella di Collistar, fate il pieno di idratazione con la crema a tutta luce di Givenchy e puntate tutto sulla base, senza dimenticare il primer Too Faced (il cui nome è tutto un programma…), il blush in stick di Clinique e tanto mascara Estée Lauder per aprire lo sguardo.

Pronte a prepararvi con noi?

  • L’opera di restauro inizia prima di andare a nanna, qualsiasi ora sia. Il baume Guerlain Midnight Secret Late Night Recovery Treatment è un trattamento magico da usare prima di andare a dormire e funziona come un vero e proprio cocktail di bellezza, riparando la pelle durante il sonno e riducendo gonfiore o segni di stanchezza

  • Una pelle stanca è spenta e opaca ed è importantissimo risvegliarla con un detergente come Colllistar Prime Rughe Mousse Detergente illuminante, una spuma morbidissima che coccola la pelle liberandola dalle tossine accumulate la sera prima e restituendo al viso tutta la luce persa

  • Per rinvigorire il viso e donargli un boost di idratazione Givenchy L’Intemporel Blossom Radiance Reviver Cream risveglia la pelle rivelandone la bellezza interiore. La carnagione appare immediatamente più splendente mentre la stanchezza e i primi segni dell’invecchiamento svaniscono

  • Profuma di acqua di cocco e funziona come un vero e proprio shot di idratazione per la pelle il primer Too Faced The Hangover, appositamente pensato per momenti come questo in cui non si è proprio al meglio della forma. Nel basta un pump massaggiato su tutto il viso per beneficiare di un’applicazione del trucco super fluida

  • Un fondotinta che non appesantisce è l’ideale quando siamo stanche e scombussolate. Optate per una formula in siero come quella del celeberrimo Armani Maestro: poche gocce stese e sfumate con l’aiuto delle dita uniformano l’incarnato senza rischiare l’effetto mascherone e permettendo alla pelle di respirare

  • I prodotti in crema donano immediatamente un effetto salute alla pelle stressata. Come bronzer utilizzate l’unica ed inimitabile terra abbronzante Chanel Soleil Tan De Chanel che, grazie ad una leggerissima luminosità e alla formula dal sottotono caldo apporta vitalità al viso in modo super naturale

  • Per un tocco bonne mine, scegliete un blush in stick come Clinique Chubby Stick Cheek Colour Balm in Robust Rhubarb, un rosa naturale che dona a tutte le carnagioni e vi darà un’allure più fresca e giovane in pochissime mosse

  • Per illuminare lo sguardo stanco e contrastare gli occhi arrossati, applicate sulla rima interna un eyeliner avorio come Marc Jacobs Highliner Gel Eyeliner in In The Buff: l’effetto sarà immediato e non potrete credere ai vostri occhi

  • Meglio abbondare con il mascara per aprire e ravvivare lo sguardo; sceglietelo in una formula waterproof (gli occhi stanchi sono spesso irritati e tendono a lacrimare). Estée Lauder Pure Color Envy Lash Waterproof è perfetto perchè dona lunghezza, definizione e volume in solo un paio di passate

  • Dopo aver passato tutta la notte con un rossetto vistoso magari dalla formula matte, le labbra saranno super secche. Meglio farle riposare puntando su un baume idratante come Dior Lip Glow in Pink che regala un colore rosato su misura, perfetto per ciascuna e da riapplicare senza bisogno dello specchietto. Vi sentite già molto meglio, vero?


Potrebbe interessarti anche