Food

Antipasto per il giorno di Natale: flan di cardi e topinambur con salsa di acciughe

Raffaella Mattioli
3 dicembre 2015

xxxxx

Il conto alla rovescia è già iniziato e mancano 22 giorni al giorno di Natale: ho così pensato di regalarvi ogni giovedì una ricetta per il vostro menù di Natale.
La prima è una ricetta di mia invenzione ed è diventata subito una tra le mie preferite. Prende spunto da alcune ricette piemontesi, tipo “bagna cauda”, perfetto connubio di cardi e acciughe, ma rimane delicatissima seppur saporita: l’ideale per solleticare l’acquolina all’inizio del pranzo più importante dell’anno.

Ingredienti per 5 persone:
750 gr. di cardi
500 gr. di topinambur
1 limone
2 spicchi d’aglio
2 uova
3 filetti di acciughe
150 ml di latte
1 cucchiaino di amido di mais
Olio evo, sale pepe ed un fiocco di burro

Tempo di preparazione: 40 minuti circa

Procedimento:
Dopo aver pulito i cardi, tolto i filamenti ed averli disposti in una bacinella con acqua e limone, affinché non si ossidino, tagliateli a pezzetti. Fateli dunque bollire in acqua salata per circa 15 minuti e, dopo averli scolati, saltateli in padella per pochi minuti con un fiocco di burro ed uno spicchio di aglio, che toglierete prima di frullarli.
Passate ora a sbucciare i topinambur, da lavare e tagliare a fettine sottili e far saltare in padella con un filo di olio evo ed uno spicchio d’aglio. Una volta cotti, fateli raffreddare.
In una ciotola sbattete le uova con sale e pepe, composto a cui aggiungere i cardi frullati.
Imburrate e cospargete di pane grattato cinque pirottini da muffin, dove versare la crema fino a ¾, da coprire poi con uno stato di topinambur.
Fate cuocere in forno a 160° a “bagnomaria” per circa 20 minuti.
Nel frattempo, in un pentolino fate sciogliere i filetti di acciuga nel latte ed aggiungetevi, continuando a mescolare, un cucchiaino di amido di mais, in modo che la salsa si addensi.
Servite dunque i flan caldi con la salsa di acciughe.

Vino consigliato:
Il Nebbiolo delle Cantine Vinicole “Terre del Barolo”: un vino rosso rubino, dal caratteristico profumo di viola, secco in bocca, ma vellutato ed armonico.


Potrebbe interessarti anche