Lifestyle

Apre la Torre di Fondazione Prada: dove l’architettura incontra l’arte

Alessandra Cesana
21 aprile 2018

In occasione della Design Week ha ufficialmente aperto i battenti al pubblico la Torre di Fondazione Prada a Milano, che si differenzia notevolmente dagli edifici adiacenti. Progettata dall’archistar Rem Koolhaas con Chris van Duijn e Federico Pompiglioni dello studio Oma, custodisce una collezione permanente di opere realizzate dal 1960 al 2016.

L’edificio si sviluppa su nove piani. La particolarità? L’altezza dei soffitti cresce con i gradini: dai 2 metri del primo livello, agli 8 metri dell’ultimo. Il perché lo spiega Koolhaas: “La scelta di variare l’altezza dei piani risponde all’esigenza di creare un’atmosfera più intima per alcune opere e un’altra di grandiosità per altre”. In questo caso è quindi l’architettura che si adatta e si plasma in funzione dell’arte, in una concezione moderna di museo.

I capolavori della collezione Prada qui esposta appartengono a Carla Accardi, Jeff Koons, Walter De Maria, Mona Hatoum, Edward Kienholz, Nancy Reddin Kienholz, Michael Heizer, Pino Pascali, William N. Copley, Damien Hirst, John Baldessari e Carsten Höller. Si può concludere la visita con un ricercato pranzo al ristorante Torre: anche qui l’arte è protagonista, con tre sculture di Lucio Fontana e una selezione di quadri davvero speciali. Con l’inaugurazione della Torre, la Fondazione è finalmente al completo. Per la gioia di tutti gli amanti del design.


Potrebbe interessarti anche