News

Arbre Magique denuncia Balenciaga: ha copiato gli alberelli

Martina D'Amelio
30 Ottobre 2018

Balenciaga continua a trarre ispirazione dai prodotti più conosciuti fuori dall’ambito moda per lanciare i propri must-have. Come un tempo aveva fatto con la mitica shopper blu di Ikea, ora Demna Gvasalia punta tutto sui profumatori per auto più conosciuti al mondo: gli alberelli di Arbre Magique. Ma l’azienda non ci sta, e sporge denuncia.

Una polemica che fa sorridere, ma che in realtà si appresta a entrare in tribunale. Al centro del contenzioso, il nuovo portachiavi di Balenciaga ispirato proprio ai celebri diffusori a forma di abete stilizzato. L’unica differenza? Oltre all’utilizzo, il prezzo: 180 euro quello in pelle di vitello di Balenciaga, 1 euro e 50 quello di Arbre Magique da appendere allo specchietto retrovisore.

L’azienda produttrice Car-Freshner Corporation e Julius Sämann Ltd. si è mostrata tutt’altro che d’accordo: “È da ben 66 anni che il nostro prodotto è diventato un punto fermo della cultura americana”. Stando a loro, anche i colori fluo dei portachiavi creati da Balenciaga sarebbero copiati alle iconiche profumazioni della casa degli alberelli, dal verde Green Apple al rosa Watermelon. Le accuse insomma farebbero leva sulla somiglianza a tutto tondo con gli Arbre Magique – una citazione che Balenciaga avrebbe adottato senza alcun permesso.

In realtà il famoso abete stilizzato è stato già utilizzato da altri marchi moda, senza tutto questo scalpore. Tra questi, Anya Hindmarch – anche se a quanto pare il brand di accessori avrebbe prima chiesto il permesso di appropriazione a Car-Freshner Corporation and Julius Sämann Ltd.

Omaggio, provocazione o semplicemente mossa strategica di marketing da parte di Balenciaga? Quel che è certo è che, se resteranno sul mercato, gli Arbre Magique di lusso andranno sold out. Come ogni trovata di Gvasalia.