News

Bags: Inside Out, la borsa va in mostra a Londra

Martina D'Amelio
9 Marzo 2020

Grace Kelly by Allan Grant

Il Victoria & Albert Museum di Londra dedica una mostra al più amato degli accessori: si chiama “Bags: Inside Out” l’esposizione che celebra sua maestà la borsa. Ecco perché vale una visita.

La rassegna più completa mai realizzata nel Regno Unito dedicata al più importante degli accessori, a cura di Lucia Savi. Dalle borsette di design alle valigette per dispacci, dai beauty-case agli zaini militari, Bags: Inside Out celebra questo feticcio a tutto tondo, esponendo modelli esclusivi firmati dalle più importanti Maison, da Mulberry a Hermès, da Chanel a Louis Vuitton.

La baguette indossata da Sarah Jessica Parker in Sex & the City, 2000

L’esposizione esplorerà non solo la funzione, ma anche il ruolo di status quo e la realizzazione delle borse, con circa 300 pezzi, dal XVI secolo fino a oggi. I must-have da non perdere? In primis, quelli rarissimi che hanno fatto la storia: una borsa ricamata usata per custodire la matrice d’argento del Grande Sigillo d’Inghilterra di Elisabetta I, un astuccio per maschera anti-gas appartenuto alla Regina Maria durante la Seconda Guerra Mondiale, la borsetta Asprey grigia di Margaret Thatcher e la valigetta rossa per i dispacci appartenuta a Winston Churchill. Sono questi i protagonisti della prima sezione Funzione, che esamina le borse nella veste di oggetti pratici realizzati per custodire effetti personali. La seconda sezione, intitolata Status e identità, guarda al ruolo centrale rivestito dalla borsa tra le celebrità: tra gli esempi, una borsa Monogram Miroir Speedy di Marc Jacobs, resa popolare da Paris Hilton e Kim Kardashian. E poi la borsa come tela bianca per diffondere slogan, dichiarazioni e messaggi politici, con la bag di tela I am Not a Plastic Bag di Anya Hindmarch e la borsa My Body My Business dell’artista-attivista Michele Pred. Design and Making infine presenta tutte le fasi di realizzazione della borsa, dal bozzetto al campione, dalla cucitura alla vendita. Un tavolo di lavoro permette ai visitatori di scoprire da vicino il processo e i materiali utilizzati. Protagonisti, i prototipi del marchio inglese Mulberry. Ma siamo sicuri che a catturare l’attenzione delle bag addicted saranno soprattutto il maxi baule Louis Vuitton risalente ai primi anni del XX, la baguette di Fendi sfoggiata da Carrie Bradshaw in Sex & the City e la Lait di Chanel disegnata da Karl Lagerfeld. 

Questa esposizione offre una comprensione e uno sguardo alla funzione, allo status, al design e alla realizzazione delle borse, da una parte all’altra del mondo e attraverso la storia. Questi accessori portatili ma funzionali hanno durevolmente affascinato uomini e donne con la loro duplice natura, che combina pubblico e privato. Esplorando l’importanza che le borse continuano a esercitare per la nostra vita, anche in quanto parte della storia del design, questa mostra evidenzia la missione del V&A di illuminare il passato e di ispirare i designers del futuro”, ha dichiarato la curatrice Savi. Se anche voi siete affascinati da sempre dalle It Bags, avete tempo dal 25 aprile al 31 gennaio 2021 per organizzare la vostra visita. E alimentare la vostra ossessione…

 

Bags: Inside Out
Dal 25 aprile al 31 gennaio 2021
Victoria and Albert Museum, Londra