Leggere insieme

Bambini nel mondo. La povertà e la fame

Marina Petruzio
10 Febbraio 2019

“Bambini nel mondo” è una collana composta da quattro titoli, quattro libri dal formato quadrato che uniti formano un’unica grande cover, un’unica grande illustrazione del mondo e delle piaghe che lo affliggono. Pubblicati da EDT – Giralangolo nel 2017 sono tradotti dall’inglese da Anselmo Roveda e illustrati da Hanane Kai. “La povertà e la fame nel mondo” è il primo libro, scritto da Louise Spilsbury, autrice specializzata in libri scolastici.

Tema, albo e collana hanno un tono sicuramente didattico, impostati come un discorso atto a far focalizzare i bambini su alcune problematiche non più così distanti da loro, accendere sguardi differenti sul circostante e a porsi delle domande.

Focalizzarsi su che cos’è la fame se non l’hai mai provata, se non come sensazione che sai di poter appagare dopo poco, può non essere facile e potrebbe anche essere un’opzione poco rilevante o facilmente trascurabile se non riguarda personalmente. E se in un prima storico se ne poteva parlare riferendosi al mondo e ieri alla città generalizzando, oggi, in un presente storico molto vicino, si può parlare di fame anche nel proprio quartiere. E non solo parlarne ma vederla se si hanno occhi attenti e domande pronte. E qui sta il senso della collana Bambini nel mondo: quello di trovare parole per soddisfare quelle domande e trovarle per tutti, grandi e piccini, per essere pronti a confortare e confortarsi, per spiegare raccontandosi, per non fare finta, in una frase, di non vedere e pensare di passare oltre cambiando marciapiede o direzione. I bambini così come gli adulti hanno bisogno di risposte per argomentare il mondo per conoscerlo se non comprenderlo.

Un sommario esaustivo fornisce anche una scaletta per sottolineare i vari punti di un problema così macroscopico e complesso e organizzare un discorso che sia il più esaustivo possibile. Non si può parlare di fame nel mondo senza pensare a chi sono le persone povere e perché lo sono. Alle cause della povertà, al costo della guerra, così come alle catastrofi naturali. Non si può parlare di povertà senza affrontare i problemi di salute, le malattie, gli handicap che impediscono di lavorare e di sostentarsi. E non si può parlare di salute senza parlare dei bambini del mondo ai quali andrebbe assicurato un futuro, un fisico sano e forte per poter occuparsi del proprio e dell’altro sostentamento, essere utili alla famiglia e alla comunità. Senza parlare di scuola e di possibilità future. Di aiuti: di quali sono le associazioni che aiutano le persone sotto il livello di povertà e i poveri, i rifugiati che non posseggono più nulla oltre a sè stessi, e se fortunati, ai propri figli. E propone una riflessione finale: e tu quali idee hai per aiutare? Cosa si può fare nel piccolo di tutti i giorni anche nelle zone più fortunate del mondo, anche a casa, a scuola e nel proprio quartiere per aiutare e combattere la fame?

E siamo solo al sommario. In chiusura qualche utile indicazione sitografica, che l’editore si raccomanda di verificare nel tempo, per saperne di più, per approfondire qualche argomento, cercare immagini o associazioni. E un glossario per andare a rivedere il significato delle parole, anche questo aiuta a capire in modo significativamente più profondo qualcosa che non conosciamo, comprendere bene, conoscere il significato delle parole con le quali ci viene spiegato o aiutarci a trovare le parole per spiegarlo con sempre maggiore chiarezza.

Non un punto d’arrivo, ma una partenza. Ogni libro, tutti i progetti, possono sempre essere fatti meglio o in modo diverso: questa collana pone una prima pietra, semplice e alla portata di tutti, soprattutto di chi non si sente all’altezza o ha bisogno di trovare le parole. Non sempre essere adulti è facile, essere genitori non significa sapere sempre cosa dire e nel modo più giusto, democratico e pertinente possibile. Questo il valore della collana e dell’editore che l’ha promossa.

 

 

 

La povertà e la fame
di Luise Spilbury illustrato da Hanane Kai
traduzione Anselmo Roveda
collana Bambini nel mondo
edito EDT – Giralangolo
euro13,50
età di lettura dai 6 anni

 



Potrebbe interessarti anche