News

Bis (di isole) per la cucina siciliana: Filippo La Mantia apre a Venezia

Giorgia Giuliano
27 Marzo 2019

L’Italia è bella perché crea compromessi e anche Filippo La Mantia è riuscito a creare il suo: quello che sta tra le gondole e la sua Sicilia e che a partire da sabato 6 aprile porterà la cucina siciliana ad avere una nuova, seconda isola – quella di San Giorgio Maggiore a Venezia.

Non si è parlato ancora di caponate e di pasta alla norma, la sola cosa certa è che le prenotazioni sono aperte e lo stomaco pure. San Giorgio Café se la prende comoda: tutti i contenuti del sito saranno svelati il 5 aprile, in occasione della presentazione ufficiale alla stampa.

Il cuoco palermitano sostiene coi suoi sapori la Fondazione Cini, nell’intento di valorizzare l’isola lagunare situata a sud di San Marco nel modo più immediato e conviviale di tutti: a tavola, e per di più con vista.

Dalla Sicilia a Milano e adesso ancora più a Nord: uno slancio verso l’alto quello di Filippo La Mantia, che simboleggia un po’ la geografia del suo percorso e la grande audacia della sua ambizione.

Il ristorante che porta il suo nome in Piazza Risorgimento a Milano si fonda su una Sicilia incontaminata perché quella di La Mantia è una cucina sfrontata, una sorta di missione a difesa dell’autentico sapore di casa. La stessa, siamo certi, che troveremo nella città lagunare. Un progetto gastronomico curato dal gruppo fiorentino D’Uva: insomma Nord, Sud e Centro Italia contemporaneamente, in un luogo di ristoro che a quanto pare sarà l’unico dell’isola che si affaccia sul bacino di San Marco.

La suspense si fa culinaria e l’attesa svela un sapore forte e certo: quello che sta nel tocco di un oste e cuoco che, chi conosce il suo far da mangiare lo sa, promette una cucina sincera e appassionata, lontana da una terra che in fondo nei suoi piatti sta sempre comoda. Quella di Filippo La Mantia è una cucina serena, una giornata di sole sul palato, il sapore della melanzana o della ricotta o del pomodoro che si ritrova proprio come un vecchio amico.

Venezia si prepara, anzi è già pronta. San Giorgio Café sarà per certo un belvedere, anche per il nostro appetito.



Potrebbe interessarti anche