Il consiglio di Simonetta

Carta o schermo, ardua scelta!

staff
29 gennaio 2012


Premetto che sono una vera iPad-addict, anche se dell’ultima ora. Da quando, ormai un anno fa, mi è stato regalato questo meraviglioso oggettino, confesso di non poterne più fare a meno.
Leggo e mando e mail anche di notte, navigo su Internet alla ricerca delle ultime tendenze, curioso sui blog, acquisto on-line le ultime novità della moda (spesso introvabili altrove), chatto con mia figlia a Londra e, non da ultimo, leggo le ultime news su Luuk Magazine. E’ fantastico poter sfogliare un giornale di moda americano mentre sto comodamente seduta sul divano nella mia casa di Pavia, ed è altrettanto piacevole leggere le ultimissime notizie e gli avvenimenti italiani, mentre mi rilasso davanti al tramonto delle Maldive. Non per esagerare, ma ormai il mio iPad è diventato un compagno fedele e praticamente insostituibile. Per farlo diventare ancor più “mio” l’ho addirittura personalizzato avvolgendolo in una preziosa custodia in pelliccia.
Ma la lotta tra tecnologia e carta diventa impari quando la comunicazione si trasforma in qualcosa di più intimo, privato, personale. Quanto sapore e calore ha una lettera rispetto ad una e mail, spesso così sbrigativa, quasi asettica!
Poco tempo fa, mi sono recata a Londra da Smythson, in Bond Street, per ristampare i miei biglietti da visita personali. Mi sono ritrovata inebriata dal profumo della carta pregiata, soggiogata dai tenui colori pastello di quelle buste sapientemente foderate a mano, rapita dall’eleganza di quelle incisioni a sbalzo, affascinata da quegli oggetti così unici, dal sapore antico e tremendamente sofisticato. A volte la tecnologia non basta.
Se volete dare un tocco di classe alla vostra corrispondenza, vi suggerisco di scegliere la carta color Mastro Mill, stampata in dark green con un carattere pulito come il Brook Strett. Per la fodera delle buste, poi, consiglio il color brown. Se invece vi sentite molto British, ecco il classico color Bond Street Blue con stampa e buste foderate in dark bleu.
Carta e stilografica – preziose, intramontabili, senza tempo – rimarranno sempre i mezzi più adatti per poter dare sfogo all’estro creativo, alle passioni del cuore e ai pensieri più intimi.

Simonetta Ravizza