Leggere insieme

Leggere insieme

Una storia molto in ritardo

Un albo sul quale è lecito mettere un segno proprio, lasciar mettere un segno proprio, è “Una storia molto in ritardo” di Marianna Coppo, edito da Terre di mezzo la scorsa primavera. Ecco perché… Trovarsi in un libro come…

Leggere insieme

Cara zia Agatha

“Cara zia Agatha” è titolo e inizio dell’albo, affascinante e visionario, di Beatriz Martin Vidal pubblicato da Orecchio Acerbo, una lunga lettera, per bene, da buona nipote a zia assente per un viaggio, in quel perfetto stile che tanto…

Leggere insieme

Eravamo in dieci

Seguendo quel sentiero sottolineato da una linea nera spessa e irregolare, illuminato solo dal fascio giallo della torcia, i piccoli personaggi, una banda di dieci sagome bizzarre, di “Eravamo in dieci”, primo albo illustrato di Nine Antico, fumettista francese,…

Leggere insieme

Il bambino mannaro

Nono nato nella collana I Miniborei di Iperborea, “Il bambino Mannaro” è un altro breve racconto firmato da Ulf Stark, nuovamente illustrato dalla divertente matita di Markus Majaluoma e pubblicato in Svezia per la prima volta nel 2011. Ancora…

Leggere insieme

L’usignolo

“L’usignolo”, edito da Carthusia, è il secondo titolo della collana Di fiaba in fiaba, illustrato da Elena Ceccato. Una collana di fiabe e leggende classiche che qui indossano abiti nuovi, come recita il comunicato stampa, con grandi illustrazioni e…

Leggere insieme

Le mani di Anna

“Le mani di Anna”, di Sarah Zambello il testo e con le illustrazioni di Daniela Iride Murgia, edito da Bacchilega Junior, è un albo che sa di giardino, che lascia profumi addosso striati di verde e colori di polline,…

Leggere insieme

La collezione di Joey

Candace Fleming e Gérard DuBois, una narratrice instancabile e un illustratore pittore surrealista, a raccontare per immagini l’arte dell’assemblaggio di Joseph Cornell, surrealista dadaista per caso, nell’albo edito da orecchio acerbo “La collezione di Joey”. Un bambino tira il…

Leggere insieme

Il signor Erik

Parlare di Eric Alfred Leslie Satie, al mondo solo Erik, con quella k finale che è un po’ l’accento su quel suo modo d’essere. Raccontare la vivace vita di uno spirito libero e di una musica fuori dagli schemi…