Beauty

Chanel, il make-up couture di Rouge Coco Lip Blush nella Fragrance & Beauty Boutique fiorentina

Barbara Micheletto Spadini
26 Marzo 2018

Metti un indirizzo contraddistinto dalla doppia C in pieno centro storico e Firenze, una sessione di make-up con gli Specialisti della maison dal savoir faire impeccabile e una giovane e solare blogger Elisa Taviti et… les jeux sont fait!

Nella Chanel Fragrance & Beauty Boutique fiorentina (così come negli omologhi adress di Milano e Venezia) la consulenza è a 360° gradi: dal maquillage al soin -con tips precise e puntuali – dall’universo ampio delle fragranze, di cui LES EXCLUSIFS sono il fiore all’occhiello, al menu dei servizi, per un’experience del brand che non conosce confini.

Protagonista dei look creati per Elisa Taviti Rouge Coco Lip Blush, un accessorio capace di impreziosire qualsiasi make-up, il cui plus è la texture gel setosa 2-in-1 innovativa e ultra performante che diventerà un divertissement alla portata di tutte, ma sempre con classe! La gestualità è l’ingrediente magico per l’applicazione di questo gioiello propulsore di luce e colore: l’applicatore regalerà con la parte piatta labbra piene di colore, mentre con la parte a punta labbra perfettamente disegnate. Per far arrossire gli zigomi, i polpastrelli saranno il tool ideale: basterà un tocco per esaltare l’incarnato naturale, tre tocchi per intensificare il colore e regalare luminosità. Stessa tecnica per sfiorare le palpebre e realizzare un total look – labbra, guance e occhi – con un unico prezioso alleato disponibile in 6 tinte imprendibili.

Scopriamo nella gallery tutti i prodotti indossati da Elisa Taviti:

New entry della famiglia Rouge Coco, Rouge Coco Lip Blush si appresta a diventare una nuova firma del make-up ludico e smart della maison Chanel per la stagione in arrivo: con una semplice passata dell’applicatore e l’aiuto dei polpastrelli o di un pennello creare un look luminoso e naturale sarà un gioco, da inventare ogni giorno, dalla gestualità (davvero) semplice ma (molto) cool.

Credit photos e video: Giulio Palaferri  e Peter Palaferri



Potrebbe interessarti anche