News

Christopher Kane divorzia da Kering

Martina D'Amelio
26 giugno 2018

Un’immagine della sfilata Christopher Kane SS18

Kering non le manda a dire. Dopo aver tagliato fuori elegantemente Stella McCartney e Puma, il gruppo francese del lusso continua a focalizzarsi sempre di più sui marchi di tendenza: ora è la volta dell’uscita di Christopher Kane.

Il gruppo di François-Henri Pinault ha infatti annunciato di essere in trattative proprio con lo stilista per cedergli il 51% delle quote relative al suo brand: una partecipazione che la luxury holding aveva acquisito nel 2013.

Il designer britannico dal canto suo potrebbe ritrovarsi per le mani tutto il capitale della sua società: stando a ciò che dicono i vertici di Kering, “entrambe le parti intendono in ogni caso continuare a collaborare allo scopo di garantire una transizione graduale e armoniosa”. Kane aveva lanciato la sua label nel 2006 in collaborazione con la sorella maggiore, Tammy Kane; tre anni fa il primo monomarca a Londra.

Stessa sorte toccherà presto anche allo streetwear firmato Volcom. Kering, insomma, si accontenta di Gucci e Saint Laurent. D’altronde, cosa volere di più – almeno in termini di coolness e ricavi?

 

 

 


Potrebbe interessarti anche