Fashion

Cina: uno sguardo agli stilisti emergenti

Lucrezia Brunello
3 ottobre 2012

La Cina oggi  è alla ricerca di una nuova  identità dal punto di vista artistico,  culturale così anche la moda vuole conquistare la sua fetta di cielo. Pochi sono gli stilisti conosciuti a livello internazionale,  ma le giovani promesse pronte per essere lanciate nel mondo del fashion aumentano  di anno in anno. Shanghai è uno dei centri più cool per gli stilisti emergenti; non a caso è proprio da questa città che è partita la carriera di Uma Wang, la prima giovane stilista cinese riconosciuta a livello internazionale. Sulla scia di questo successo centinaia di talenti si affidano ad agenzie  come la “China Fashion Collective”, un’agenzia americana con base a Shanghai dove, a selezionati designer cinesi, viene offerto un supporto nella gestione della comunicazione e della promozione del brand.

Zhang Da, stilista di Boundless, presenta una capsule collection  donna che parte da forme basiche, i cerchi e i quadrati, che  tagliati con maestria alle spalle, al collo o alla vita e cuciti insieme seguono le linee del corpo con  naturalezza estrema creando una silhouette dall’eleganza fluente.

Chictopia di Liu Qing Yang punta tutto sulla ricercatezza dei tessuti per creare abiti per la donna  elegante, originali nelle linee e nelle stampe. Il taglio semplice e sofisticato arricchito da elementi retrò caratterizza il brand  dando vita ad un contrasto estremamente chic.

Se a Parigi domina Christian Louboutin, a Shanghai è Mary Ching di Alison Yeung ad aver conquistato tutti con le sue scarpe  ed i suoi accessori dal lusso più estremo. Tacchi vertiginosi e multiformi   dai dettagli accattivanti, pantofoline da camera in pelle, in morbido cashmere e clutch preziose.

Le forme degli occhiali di Zhou Yuan per CHairEYES riportano agli Anni ’60-’70, uno stile vintage evergreen, sofisticato con un pizzico di originalità. La produzione è artigianale con materiali di alta qualità.

Tra le linee menswear Xander Zhou detiene il primato per la qualità e la particolarità dei suoi capi, prodotti con i tessuti migliori e le più rinomate tecniche di lavorazione sartoriale.

Un insieme di stili e una proposta immensa  ancora da scoprire. Questa è l’ offerta del panorama Cina,  un Paese in continuo sviluppo che vuole esprimere la sua creatività a partire dalla propria antica cultura, la sua  tradizione e la sua storia. Un Paese che vuole tuffarsi nell’era moderna e distinguersi affinando le più nuove ed avanzate  tecnologie, un Paese che guarda al suo futuro senza dimenticare un passato che è già storia.

Lucrezia Brunello


Potrebbe interessarti anche