Woman

Come vestirsi alla laurea: da Max Mara a Zara, 10 look da lode

Alessandra Cesana
2 Settembre 2019

Indossare la corona d’alloro è lo scopo primario di si iscrive all’Università. Ma archiviati i libri, è tempo di pensare ai festeggiamenti e, ovviamente, al look per la discussione e proclamazione di laurea. Luxury o low cost? L’importante è che sia a prova di lode!

L’abito non fa il monaco? Sarà, ma per essere sicure meglio calibrare l’outfit da laurea con orli, colori e scollature per non incorrere in fashion mistakes che foto e video ci ricorderanno per sempre. Il segreto è sentirsi a proprio agio con quel che si indossa, in modo da non intaccare l’andamento della discussione. La tesi? Una gonna in nappa intrecciata (Bottega Veneta), semplice ma super cool SE abbinata a una camicia di seta bianca (Max Mara).

Molte opteranno per il tailleur: meglio puntare su un modello non troppo classico, possibilmente evitando il nero, e dal tocco military o vintage (Prada). Per chi ama i pantaloni e non vuole passare inosservata, la soluzione è la jumpsuit: a maniche corte in seta e lana blu profondo, colore che ci rende, agli occhi degli altri, seri e affidabili (Gucci). E ancora, tailleur spezzati (Giorgio Armani e Fendi), l’immancabile little black dress (Louis Vuitton), i completi floreali (Agnona), senza dimenticare le soluzioni affordable (Zara) – perché è il voto della commissione, non il prezzo del cartellino, ciò che conta di più!

Sfogliate la gallery per scoprire le migliori idee di look di laurea autunno-inverno 2019/2020 e… bonne chance!

  • Midi e con drappeggio: ecco la soluzione low cost di Zara per essere eleganti il giorno della laurea.

  • Una gonna Bottega Veneta è sicuramente un investimento. Per un look semplice, ma che difficilmente non verrà notato, da abbinare a una camicia bianca Max Mara.

  • La tuta a manica corta con maxi cintura GG: il capo workwear per eccellenza secondo l’estetica di Gucci.

  • Completo giacca pantalone in leggera lana firmato Prada: per chi è stanco dei soliti colori pastello.

  • La soluzione per chi non sa rinunciare al potere dei fiori: gonna plissettata e blusa con collo alto, Agnona.

  • Il tailleur spezzato può essere una soluzione pratica per il giorno della laurea: blazer prezioso Giorgio Armani e pantaloni sartoriali con risvolto Fendi.

  • L’abito midi va sempre per la maggiore. Elisabetta Franchi lo propone con la manica a tre quarti e con uno scollo non troppo accentuato.

  • Per chi preferisce puntare sugli accessori, ecco il little black dress di Louis Vuitton.

  • L’abito Simone Rocha con strati di leggero tulle è perfetto per chi non rinuncia alla propria vena romantica neanche il giorno della laurea.

  • Fiori sì, ma in black and white, come la cascata sull’abito nero firmato Valentino.



Potrebbe interessarti anche