Sport

Da Ronaldo a Messi: calciatori e auto, è subito amore

Alessandro Cassaghi
24 settembre 2018

I calciatori, si sa, amano le automobili costose. Non importa quanto siano sportive, sono disposti a spendere cifre folli anche quando si tratta di fuoristrada o comuni station wagon. Il comune denominatore? Sembra essere uno: motori potenti con prestazioni da urlo, che ovviamente fanno salire il prezzo. Ancora meglio, poi, se le auto sono in varianti esclusive o colorazioni non a listino.

Solo per fare un esempio, quando la Juventus ha acquistato Cristiano Ronaldo, la FCA gli ha regalato un mostro da 700 cavalli: una Jeep Grand Cherokee Trackhawk per gli spostamenti casa-lavoro, ossia dalla sua doppia villa torinese proprio dietro la Gran Madre. Una Jeep comoda e veloce per portare in giro anche la famiglia, per altro numerosissima: la compagna Georgina Rodriguez e i figli Cristiano Junior (avuto, dicono, da una cameriera statunitense), i gemelli Eva e Mateo, nati da madre surrogata, e la figlia avuta con Georgina, Alana Martina. E nel caso invece volesse godersi la strada in solitaria? Cristiano avrebbe solo l’imbarazzo della scelta, visto che il suo parco macchine vale più di dieci milioni di euro e comprende anche una Ferrari F12Tdf. Solo questa costa quasi 400 mila euro: bruscolini per CR7, che tra stipendio e sponsor guadagna circa 3 euro al secondo.

Per l’altro fuoriclasse assoluto del pallone, Lionel Messi, la scelta dell’auto è stata molto più ragionata. Potrebbe permettersi quello che desidera, certo, ma l’attaccante del Barcellona usa in prevalenza un’Audi Q7. Il Suv è decisamente una scelta più comoda rispetto ad una delle sue Maserati. Sì, ne ha più di una.

L’ex interista, ma anche milanista, Sulley Muntari è invece un vero patito della customizzazione, soprattutto quando si parla delle sue vetture esclusive. Unica al mondo è la Lamborghini Aventador versione “camouflage” che però, al contrario di quello che accade di solito, non lo fa mimetizzare affatto nella jungla urbana. Muntari è talmente appassionato di personalizzazione della carrozzeria da aver fondato 4FK Motorsport, proprio dedicato al tailor made in ambito auto motive.

Il mitico Zlatan Ibrahimovic, ora calciatore dei Los Angeles Galaxy, anche lui passato da entrambe le squadre milanesi, è un testimonial Volvo e, anche se potrebbe comprare ogni auto possibile immaginabile, è stato più volte visto a bordo della sua XC90, come se ne vedono tante in giro con al volante le sciure milanesi di ritorno dalla spesa all’Esselunga. Zlatan uno di noi?

E Mauro Icardi? Il capitano dell’Inter ama farsi fotografare con la sua auto personalizzata, una Lamborghini nerazzurra, gli stessi colori dell’Inter. Il marito di Wanda Nara, la nuova conduttrice di Tiki Taka al fianco di Pierluigi Pardo, però, oltre a collezionare auto, a quanto pare colleziona anche multe, prese in prevalenza nel centro di Milano.

C’è inoltre chi preferisce auto più piccole, come il capitano del Napoli Marek Hamsik. Per un suo passato compleanno infatti è stata regalata al centrocampista una 500 d’epoca riverniciata e personalizzata con le iniziali e il numero di maglia, MH17. Altro appassionato delle “piccoline” di casa Fiat, il difensore del Real Madrid Sergio Ramos: in campo così duro e determinato, sembrerebbe uno da suv ingombranti, meglio se neri; e invece è stato visto arrivare all’allenamento al volante di una 600 rossa.

Il regista del Livorno Alessandro Diamanti possiede un parco macchine piuttosto invidiabile, con diverse auto d’epoca, come una curiosa Nissan Figaro. Alla faccia di chi dice che giocatori pensano solo a “farsi la Ferrari”…

 


Potrebbe interessarti anche