Fotografia

David Bowie: a Firenze gli scatti privati del Duca Bianco di Masayoshi Sukita

Beatrice Trinci
1 Maggio 2019

La cover di Heroes che dà il nome alla mostra

Un sodalizio professionale e umano durato quarant’anni quello tra l’indimenticato David Bowie e il maestro della fotografia giapponese Masayoshi Sukita, un rapporto di stima e rispetto reciproci, che oggi viene ricordato a Palazzo Medici Riccardi di Firenze nella mostra che racconta la star del rock attraverso gli scatti che hanno accompagnato intere generazioni.

Si conoscevano dal 1972 il celebre artista nipponico e il Duca Bianco. A unirli fu la musica e il manifesto di un concerto di Bowie a Londra: Sukita ne rimase folgorato, dando il via a una lunga collaborazione che durò fino alla prematura morte del cantante, avvenuta nel gennaio del 2016, e sugellata dalla famosa foto in bianco e nero impressa sulla copertina di “Heroes”, titolo che dà il nome all’esposizione stessa. Qui il visitatore viene trasportato nel camaleontico e affascinante mondo di una delle personalità più amate del XX secolo attraverso 60 fotografie che ripercorrono, non solo le leggendarie performance e le suggestive cover dei suoi album, ma anche – e soprattutto – momenti quotidiani e intimi, grazie ad una serie di scatti personali tratti dall’archivio privato del fotografo, toccante testimonianza della speciale amicizia che ha unito i due per decenni.

Fra le opere, anche alcuni iconici costumi di scena firmati da Kansai Yamamoto, che Bowie indossò con l’aiuto creativo della stylist Yasuko Takahashi: fu proprio la costumista a far incontrare i due artisti e a proporre un servizio fotografico al suo manager – l’inizio di un’amicizia che andava oltre la distanza e le barriere linguistiche.

“Una relazione basata su un interscambio culturale, guidata dal comune amore per l’arte e che ci ha regalato, appunto, alcuni tra gli scatti con cui tutti ricordiamo David Bowie, alcuni dei più iconici, a cominciare dalla copertina di ‘Heroes’ che è qui esposta”,  ha dichiarato Vittoria Mainoldi, organizzatrice della mostra.

L’esposizione, curata da OEO Arte Firenze, resterà aperta fino al 28 giugno, regalando ai tanti fan e appassionati anche una serie di esibizioni live e concerti acustici sulle note di Bowie, oltre ad un bookshop dove sfogliare e acquistare libri e merchandising a lui dedicati.

 

 

Heroes – Bowie by Sukita
30 marzo – 28 giugno 2019
Palazzo Medici Riccardi, Via Camillo Cavour 3, Firenze
Orari: dal lunedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.00 (mercoledì chiuso)



Potrebbe interessarti anche