Alberghi

Destinazione Marrakech: gli angoli da non perdere consigliati da un insider

Alessandra Buscemi
12 giugno 2018

Marrakech è la porta dell’Africa e possiede un fascino unico: una luce straordinaria filtrata da palme e agrumeti, i colori accesi dei palazzi della Medina e della magnifica residenza che fu di Yves Saint Laurent, con i suoi giardini Majorelle, il profumo delle spezie, dalla curcuma all’argan, il suono dei menestrelli che si aggirano tra le strette vie del souk, la scia dei barbecue della piazza Djemaa el-Fna. Destinazione sempre più desiderata, a poche ore di volo dalle nostre città, offre la possibilità reale di staccare dalla nostra vita quotidiana e immergersi in un’esperienza dove tutti i sensi sono sorpresi ed appagati. Una città che conosce sempre più turismo, è vero, ma che riserva ancora delle pepite preziose e uniche, così come angoli autentici dove la cultura marocchina è valorizzata e raccontata con garbo e generosità.

Al di là delle destinazioni più comuni che potreste trovare facilmente, esistono luoghi ed esperienze da non perdere, alcune fuori dal radar. Tra queste Amanjena, hotel 5 stelle lusso che fa parte del gruppo Aman, che include 40 pavillon che si riflettono su bacini azzurri, tra cui il principale che costituisce il cuore della proprietà, un ristorante mediterraneo con anima marocchina, un ristorante giapponese di altissimo livello e una SPA che traduce con eleganza i tradizionali trattamenti con olio di Argan. Amanjena si trova in un’oasi verde a pochi km dal centro della città ed è contornata dal golf Amelkis, dall’inizio del deserto, mentre all’orizzonte si scorgono le montagne dell’Atlas. Entrare ad Amanjena vuol dire trovare un rifugio discreto e silenzioso, vuol dire lusso con le sue suite incantevoli dove il giardino privato con patio è seguito dalla piscina privata e riscaldata dove rilassarsi.

Abbiamo chiesto al General Manager di Amanjena, Nicolas Ilickovic di raccontarci la sua visione di Marrakech.

Quali aggettivi descrivono la città secondo lei?
Vivace, antica e vibrante

Quali sono i luoghi segreti e speciali di Marrakech per lei?
Chez Lamine: un angolo conosciuto solo da gente del posto che serve il più incredibile “mechoui” di tutta Marrakech.
Jardin Rouge: situata su 10 ettari di terreno tra gli oliveti, questa galleria d’arte privata ha una collezione fenomenale di arte moderna con pezzi e installazioni sparse per i vasti terreni.
Il villaggio berbero di Tighduine: a 45 minuti di auto sulle montagne dell’Atlante. È un posto dove il tempo si è fermato: le case di fango di adobe sono umili, ma l’ospitalità della sua gente è calda e genuina.

Un luogo che deve essere visitato quando si viaggia a Marrakech?
Quando si visita Marrakech non si può perdere la piazza Jemaa el-Fnaa, in particolare verso il tramonto. Al crepuscolo la piazza prende vita; brulicante di incantatori di serpenti, artisti di henné e artisti di strada. I deliziosi aromi delle numerose bancarelle di cibo riempiono l’aria.


Potrebbe interessarti anche