News

Dolce & Gabbana dimentica la Cina con l’Alta Moda

Martina D'Amelio
12 Dicembre 2018

Uno scatto di backstage dell’evento dedicato all’Alta Moda a Milano di Dolce & Gabbana

Alta moda, Alta Sartoria e Alta gioielleria. Le eccellenze Couture di Dolce&Gabbana prendono casa a Milano, con un hub creativo dedicato all’artigianalità e al savoir faire tutto italiano.

Dopo il recente scandalo abbattutosi sulla casa di moda, accusata di razzismo per un controverso spot cinese che ha portato alla cancellazione dello show della Maison a Shanghai, Stefano Gabbana e Domenico Dolce ripartono dalla città meneghina, e precisamente da Corso Venezia 13, per inglobare in un unico spazio ampliato ad hoc le collezioni di Alta Moda, nello storico indirizzo adiacente al Martini Bar.

Uno scatto di backstage dell’evento dedicato all’Alta Moda a Milano di Dolce & Gabbana

Una nuova tappa del viaggio delle collezioni più esclusive della Maison, che nello scorso weekend sono state protagoniste di una tre giorni di eventi che ha fatto discutere: i due stilisti hanno reso omaggio a Milano e alla sua storia con alcune sfilate dedicate al Rinascimento della città, con riferimenti a Ludovico Il Moro e Leonardo da Vinci. Protagoniste in passerella a Palazzo Litta proprio l’Alta Gioielleria, l’Alta Moda e l’Alta Sartoria, che hanno dato vita a un fashion show regale con circa 200 uscite, ricoperte dai quadri di Tiziano, Botticelli e Raffaello ( e con tanto di felpa dedicata a Sant’Ambrogio). Un colpo di scena maestoso per ricordare a tutti il focus del brand? O semplicemente un modo per spostare l’attenzione dagli spiacevoli fatti accaduti nel Sol Levante?

Uno scatto di backstage dell’evento dedicato all’Alta Moda a Milano di Dolce & Gabbana

Quel che resta è il nuovo quartier generale, che parla da sé: 3 piani di capolavori tra arte e moda suddivisi per tipologie di offerta nel cuore di Milano. L’ingresso del Martini Bar verrà spostato, per permettere alle oltre 300 clienti dell’alta moda di accedere a questo Paese delle Meraviglie da tutto il mondo. Anche dalla Cina.



Potrebbe interessarti anche