News

Dolce & Gabbana: generazioni (di star) in passerella

Martina D'Amelio
17 giugno 2018

Monica Bellucci. Ma anche Naomi Campbell, Marpessa Hennink e Cameron Dallas, fino al fashion blogger Mariano di Vaio e a Tommaso Paradiso dei The Giornalisti. Dolce & Gabbana stupiscono con una sfilata multigenerazionale per la primavera-estate 2019 ad alto tasso di star.

Il duo porta le celebs dal front row direttamente in passerella: top model che hanno fatto la storia, Millennials e cantanti radical chic si sono mischiati a persone comuni, selezionate come “modelli per un giorno” tramite uno street casting d’eccezione. Dalle sciuraglam con tanto di chioma bianca in completi street ricoperti di peperoncini e corone a coppie “abbinate” in smoking total white e tute della “Madonna”.

A sottolineare come Dolce&Gabbana possano vestire proprio tutti: “Evolution” è il nome dato al fashion show per lui andato in scena in occasione di Milano Moda Uomo, su una passerella in stile barocco. A trionfare inoltre completi a stampa all-over con toppe da motociclista, pijamas di seta a motivo pasta, cargo mimetici con loghi applicati; e poi pupi, burattini, nell’eccentrico sicilian style della Maison. Ma le vere protagoniste sono state proprio Naomi e Monica che non sfilava per Dolce & Gabbana dal 1992) elegantissime in smoking alla Marlene Dietrich in perfetto tema con le collezioni maschili.

A model walks the runway at the Dolce & Gabbana Naked King Secret Show show during Milan Men’s Fashion Week Spring/Summer 2019 on June 16, 2018 in Milan, Italy.

Solo qualche ora dopo, al Martini bar è andato in scena il DG King fashion show: protagonisti questa volta gli studenti della Mba Academy, che hanno pettinato i modelli i quali hanno sfilato nudi o quasi per presentare le collezioni underwear. Intimo appunto, costumi e accessori, tra cui le nuove chuncky sneakers, già preordinabili sul sito. The Naked King Men’s fashion show si chiude con una parata di uomini in vestaglie di seta. E conferma il successo di Dolce&Gabbana, che riescono a stupire Milano anche in… mutande.


Potrebbe interessarti anche