Ricette

Dolce senza sensi di colpa: torta di mele e yogurt super light

Clarissa Monti
19 Marzo 2020

Certo, ogni dolce è uno sgarro alla dieta. Ma con un po’ di attenzione anche i peccati di gola possono essere light senza perdere in gusto e golosità. È il caso della ricetta che vi proponiamo oggi: abbiamo rivisitato un classico come la torta di mele, che così diventa leggerissima e adatta anche a chi deve stare attento alla linea, soprattutto in questo momento in cui siamo costretti a stare a casa e le occasioni per fare sport scarseggiano.

Perfetta per colazione, merenda e come dessert, la torta di mele e yogurt super light vi regalerà un momento di pura dolcezza ma senza sensi di colpa. Non ha burro, né uova e poco zucchero (di canna): assaggiare per credere.

Ingredienti:
Un limone non trattato
1 bacca di vaniglia
250 gr di farina 00
300 gr di yogurt
100 ml di olio di semi
150 gr di zucchero di canna
4 mele renette
1 bustina di lievito per dolci
Cannella q.b.
Latte q.b.

Tempo di preparazione: 45 minuti circa

Procedimento: 
Lavate e sbucciate le mele, poi tagliatele a dadini. Grattugiate la buccia del limone e spremetelo. Irrorate le mele con il succo e mescolate bene, lasciando riposare qualche minuto.
In una ciotola amalgamate lo zucchero, lo yogurt, la scorza del limone, l’olio e la cannella. Tagliate la bacca di vaniglia a metà, estraete i semini e aggiungeteli al composto. Unite anche la farina setacciata e il lievito, poi mescolate bene per eliminare eventuali grumi.
Otterrete un composto fluido, ma se fosse troppo compatto aggiungere un po’ di latte. Infine unite anche le mele.
Foderate uno stampo con carta forno, aggiungete il composto, livellate e infornate per 35 minuti a 180° (per verificare la cottura non dimenticate la “prova stecchino”).
Servite la vostra torta di mele e yogurt tiepida. E, se proprio volete sgarrare, con una pallina di gelato alla vaniglia.

L’abbinamento:
Insieme alla torta di mele light è perfetto un Valdo Prosecco Superiore di Cartizze DOCG Cuvée Viviana: il bouquet si distingue per i profumi intensi di frutta matura, dove si riconosce  la mela selvatica e la banana; al palato è gradevolmente amabile ed elegante, con calde sensazioni speziate e fruttate.