News

Drexcode diventa anche offline: arriva il corner alla Rinascente

Clarissa Monti
9 dicembre 2017

Drexcode approda offline, inaugurando a Milano un corner alla Rinascente di Piazza Duomo.

La web boutique specializzata nel noleggio di abiti pret-à-porter ha aperto un temporary shop al secondo piano di annex Rinascente, dove i clienti non solo potranno vedere e toccare con mano i capi proposti, ma anche arricchirli con diversi accessori e farsi coccolare con sedute di make up e hair styling studiate ad hoc da un team di esperti.

Un’esperienza di shopping a 360°, che va ad integrare i vantaggi dell’opening fisico con quelli dell’acquisto online: infatti, non solo sarà possibile scegliere comodamente da casa i capi da provare per poi farseli recapitare direttamente in store, ma anche – viceversa – scegliere dai device presenti nel corner gli abiti disponibili solo sull’e-shop per farli arrivare in tempi brevi in loco.

L’offerta spazia tra oltre 26 marchi del lusso, tra cui figurano nomi come quelli di Alberta Ferretti, Blumarine, Moschino, Vionnet e Rochas, per un totale di 1.200 capi attualmente a noleggio. “Drexcode rappresenta un nuovo modo di vivere la moda e il lusso, un’esperienza con la quale le consumatrici si avvicinano a marchi che prima non avevano mai indossato”, racconta Valeria Cambrea, co-fondatrice nel 2014 insieme a Federica Storace di Drexcode.com, ora parte di LVenture Group.

 “Quando abbiamo incontrato per la prima volta Drexcode e le sue fondatrici ci siamo immediatamente innamorate del progetto – ha commentato Monica Marsilli, direttore centrale acquisti di Rinascente – È stato un meeting veramente illuminante e divertente, come peraltro è Drexcode. Abbiamo subito pensato che potesse essere un progetto molto interessante e insolito da avere all’interno del nostro flagship store di Milano. Ci è sembrato che fittasse perfettamente con la nostra strategia, quella di offrire un’esperienza indimenticabile ai nostri clienti, un’esperienza anche molto divertente. Drexcode non è un nostro competitor, ma un complemento al nostro assortimento. Inoltre, le sinergie che potremo sviluppare in futuro sono tantissime, ed è proprio questo il link sul quale dobbiamo lavorare, creando così un servizio veramente unico e speciale all’interno del nostro flagship”.


Potrebbe interessarti anche