News

Due donne dicono addio al loro ruolo di direttori creativi

Martina D'Amelio
8 Gennaio 2020

Da sinistra, Yolanda Zobel e Yuni Ahn

Sempre più donne sono a capo delle grandi Maison, ma altrettante hanno anche il coraggio sufficiente per lasciare le loro posizioni di prestigio.

I più recenti abbandoni al femminile delle Maison di moda? Yuni Ahn, dopo poco più di un anno alla guida di Maison Kitsuné, chiude la collaborazione. Il direttore creativo arruolato nel dicembre 2018 lascia il suo incarico: l’ultima collezione della stilista verrà infatti presentata durante la prossima Paris Fashion Week Men’s. Una decisione che, stando alla dichiarazione ufficiale rilasciata dalla casa di moda francese, è stata reciproca: “Vogliamo ringraziare Yuni Ahn per i significativi risultati raggiunti. Le siamo profondamente grati e continueremo a far crescere ulteriormente Maison Kitsuné” hanno dichiarato Gildas Loaëc e Masaya Kuroki, co-fondatori della Maison. Chi prenderà il suo posto dopo 3 stagioni? Il nuovo capo dello stile del marchio, che a quanto pare è già operativo nelle fila della label, verrà rivelato dopo la presentazione dell’ultima collezione di Ahn.

E c’è da credere che la designer si dedicherà a nuovi, alti progetti. Entrata a far parte della label francese nel dicembre 2018, dopo essere stata responsabile del design delle pre-collezioni e delle linee di Celine, ha lavorato in Stella McCartney, Chloé, Miu Miu e Paul Smith. Un passato di tutto rispetto che la porterà ancora lontano … almeno dal marchio parigino.

Intanto, anche Yolanda Zobel dice addio a Courrèges dopo un breve periodo. Nominata nel febbraio 2018 a capo della direzione artistica, la designer lascia la Maison fondata nel 1961 a Parigi da André. Anche qui, la dipartita sarebbe frutto di una decisione comune. L’ultima sfilata della stilista? Quella per la collezione primavera-estate 2020 a Parigi lungo il canale Saint-Martin nel settembre 2019, che ha segnato anche il debutto nella sostenibilità di Courrèges con materiali innovativi. Troppo presto per una Maison dal così alto heritage? Intanto, diamo uno sguardo al passato della designer franco-tedesca: Yolanda Zobel ha cominciato la sua carriera all’inizio del 2000 da Giorgio Armani, per poi passare da Chloé, Jil Sander e Acne Studios, prima di approdare a Courrèges. Chi prenderà il suo posto nella casa di moda detenuta al 100% da Artémis, la holding di Kering? E a cosa si dedicherà Zobel?

Quello che ci auspichiamo è di vedere sempre più emergere l’identità di queste paladine della moda in sordina, che hanno un curriculum di tutto rispetto – nonostante siano spesso oscurate da astri al femminile più celebri, come Miuccia Prada e Maria Grazia Chiuri. Staremo a vedere…