News

E alla fine arriva Sandy

Claudia Alongi
29 ottobre 2012

Giusto in tempo per la vigilia di Halloween è arrivato “Frankenstorm”, la tempesta perfetta che ha messo in stato d’allerta l’intera costa orientale degli Stati Uniti.
L’uragano, meglio conosciuto come “Sandy”, è già in pole position per il più alto potenziale distruttivo mai registratosi nell’Atlantico.
Il presidente Barack Obama ha interrotto la campagna elettorale e si è premurato di rientrare in fretta a Washington. E Intanto New York City inizia a tremare. Interrotti i trasporti pubblici, chiuse scuole, stazioni e metropolitane. Chiusa persino Wall Street (non succedeva dal 1987).

Anche molte personalità dello star system hanno mostrato in modi eccentrici e disparati la loro apprensione. Alcuni su Twitter non si danno pace.
È un sospiro di sollievo denso però di ansietà, quello di Kim Kardashian, che dopo aver fatto scorte al supermercato, dichiara (quasi fosse una preghiera a mani giunte): «Sono a Miami. Perturbazione evitata. Prego per gli abitanti della East Coast. Spero vada tutto bene».
Mia Farrow teme per gli animali e dà informazioni di servizio. «Il sindaco Bloomberg ha detto che si possono portare nel rifugio della zona di evacuazione A». Snooki (madre da un mese) si trasforma in una moderna mamma-chioccia: «È il primo uragano di Lorenzo. Lo tengo stretto».
Lindsay Lohan storpia «Sandy» in «Sally», in «Sassy», ma ha chiare le idee: «Basta panico, finiamo di pensarla negativa».
Il più languido e sentimentale è l’ispanico Ricky Martin, che non si nega una passeggiata autunnale nel parco, «prima della tempesta» motivandola come un moderno Rilke: «Probabilmente, dopo, non ci sarà più questo stupendo tappeto di foglie».
Tutti pronti, insomma, a fare i conti con il mostro di questo Halloween.

Claudia Alongi


Potrebbe interessarti anche