News

Fashion Show Radiography: il potere al femminile firmato Prada

Beatrice Trinci
21 Febbraio 2020

 

È un’ode alla femminilità forte, risoluta e pratica la collezione autunno-inverno 2020/2021 portata in passerella da Prada in occasione della MFW in pieno corso. Un tripudio di leggerezza e rigorosità, frivolezza e gravità, in un dualismo di stile che celebra il pluralismo e la complessità identitaria di ogni donna.

La location. Così come per il fashion show dedicato al menswear dello scorso gennaio, OMA e Rem Koolhaas uniscono ancora le forze, trasformando l’ampia sala del Deposito in un setting decisamente particolare. Due cavità identiche prendono forma per trasformarsi in due piazze geometriche e comunicanti, a ricreare un catwalk complesso e surreale – metafora della condizione femminile: se nella parte centrale troviamo una scultura di Atlante che sostiene il mondo sulle spalle, eterei fiori colorati decorano le pareti circostanti, in un continuo oscillare tra la concretezza e la vanità.

La collezione. “Ho fatto questa collezione d’istinto, utile, con un senso. La forza delle donne mi attrae, anche quando indossano capi che sono la summa dei cliché della sensualità. Leggerezza, delicatezza, frivolezza e glamour sono per me le parole chiave per il prossimo inverno, perché il glam ti tira su, ti aiuta, ti carica, è utile”, ha dichiarato Miuccia, vestendo il suo esercito di 60 modelle di una femminilità ritrovata, fatta di linee precise, a tratti austere, che si sposano con naturalezza a trasparenze, spacchi e frange. Via libera dunque a eco-pellicce da signora borghese d’altri tempi, cappotti e cardigan spigati, giacche dalla silhouette esagerata, blazer imbottiti come piumini 4.0 e maxi t-shirt tecniche Luna Rossa, il tutto accostato ad abiti smanicati effetto see-through e applicazioni floreali, camicette trasparenti con cascate di rouche e gonne svolazzanti al ginocchio. Una collezione che si dipana tra i colori neutri e le più delicate tonalità pastello: dal nero, cammello e grigio, al rosa e al celeste, fino ai più accessi giallo canarino e verde prato che colorano i vitaminici set di pantacollant e bralette in maglia. Largo spazio anche agli accessori: protagonisti del défilé autunno-inverno 2020/2021 i cerchietti ampi da abbinare agli abiti stile Charleston, le borse maxi e quelle micro da portare al polso, alla cintura o – perché no – al collo, le scarpe Mary Jane con tacco scultoreo e gli stivali di gomma con carrarmato dai toni pastello.

Key Pieces. I voluminosi piumini che diventano blazer da stringere in vita. Le giacche rubate al guardaroba di lui. I pantacollant colorati da abbinare ai top. Le svolazzanti gonne sfrangiate. La stampa floreale d’ispirazione art déco che plana su gilet in maglia e sul total look in seta.

Front row. Accanto ai soliti Ferragnez e alle influencer più vicine alla Maison, ad applaudire in prima fila l’estro creativo di Miuccia Prada, Emily Ratajkowski, Pierpaolo Piccioli, Jasmine Trinca, Alba Rohrwacher, Sydney Sweeney e Lisa, la cantante 22enne, parte del celebre gruppo K-Pop Blackpink.