News

Fashion Show Radiography: la Belle Époque secondo Louis Vuitton

Mirco Andrea Zerini
3 Ottobre 2019

Un’altra edizione della settimana della moda di Parigi si chiude con la sfilata firmata Louis Vuitton per la collezione donna primavera-estate 2020. Lo stilista Nicolas Ghesquière porta in scena una collezione che non delude le aspettative e che mette la parola “fine” a un fashion month ricco di sorprese. Scopriamo insieme i dettagli di uno degli show più attesi della fashion week parigina.

La location. Lo stilista sceglie la Cour Carrée del Museo del Louvre di Parigi per presentare al pubblico la collezione donna primavera-estate 2020. Il setting è austero, minimale: la passerella bianca accoglie le modelle, che escono in fila indiana dal maxi schermo sullo sfondo, su cui è proiettata l’emozionante esibizione di Sophie sulle note di “It’s okay to cry”, in un climax crescente di pathos e di mescolanza di generi, tra maschile, femminile e transgender. 

La collezione. Un viaggio virtuale che parte dalla Belle Époque per arrivare addirittura alla psichedelia che ha caratterizzato gli Anni ’60: è questo l’excursus che Nicolas immagina per la sua donna, portando in scena una linea intensa e carica di riferimenti all’Art Nouveau. Un gusto borghese, squisitamente decorativista in alcune sue manifestazioni domina il catwalk: sfilano completi maschili con volumi e silhouette femminili; gonne corte a corolla e camicie con maniche a sbuffo; minidress iper decorati con spolverini bon ton a contrasto; total look total white luminosi e dalle linee estremamente fluide. Il tutto dà vita a un crazy mix and match che risulta concettualmente moderno, nonostante i riferimenti al passato.

Key Pieces. Come in ogni collezione Vuitton che si rispetti, gli accessori rivestono un ruolo da assoluti protagonisti e completano i look rendendoli ancor più sofisticati. Prima su tutti, la bag collection: in passerella sfilano la Blade, la nuova It Bag della Maison, e la nuova clutch a forma di videocassetta destinata a diventare un vero feticcio di stile, insieme ai grandi classici che ritornano in versione Monogram. Tra le calzature spiccano invece stivaletti stringati e mocassini in vernice con platform.

Justin Timberlake, Nicolas Ghesquiere e Jessica Biel

Il front-row. Ad assistere al glorioso show, un parterre di celebrities davvero da Oscar che, tra gli altri, ha visto in prima linea le ambassador Alicia Vikander, Catherine Deneuve e Chloe Moretz, insieme a Stacy Martin e alla coppia formata dal cantante Justin Timberlake e dall’attrice Jessica Biel, immortalati nel backstage insieme allo stilista.



Potrebbe interessarti anche