Woman

Fashion Show Radiography: la favola noir di Miuccia Prada

Luca Antonio Dondi
23 Febbraio 2019

Miuccia Prada riprende il racconto da dove l’avevamo lasciato qualche settimana fa in occasione della sfilata maschile: per la collezione donna autunno-inverno 2019/2020, infatti, tornano in passerella le creazioni Frankenstein insprired di Prada. Ecco, dunque, cosa è successo al Deposito della Fondazione Prada durante la Milano Fashion Week.

La location. Non sono rimasti sorpresi gli ospiti entrati al Deposito per il nuovo show di Prada: la location, infatti, sembra rimasta immutata da quando lo scorso gennaio è stata presentata la linea maschile del brand nel set allestito dallo studio OMA/AMO. Ad accogliere gli ospiti, un terreno acuminato cosparso di lampadine alogene che gettano le basi per il mood dark e misterioso della collezione.

Il set allestito nel Deposito della Fondazione Prada per la sfilata autunno-inverno 2019/2020

L’ispirazione. Tutto nasce da quel fortuito – e fortunato – romanzo scritto da Mary Godwin (meglio nota con il cognome Shelley) nel 1816 che raccontava le avventure di quella creatura mostruosa dall’animo gentile destinata a diventare, col tempo, una leggenda dell’iconografia horror. Si parla di Frankenstein, ovviamente, il mostro nato per caso in seguito ad una competizione letteraria che ha, in qualche modo, aiutato a spalancare le porte alle donne nella letteratura. Da qui l’empatia con la signora Prada che ha preso la scrittrice a modello, emblema di donna che si è distinta ed elevata, con il proprio lavoro, in un mondo di uomini.

La collezione. Miuccia Prada sviluppa, dunque, una collezione dai tratti elegantemente noir che accenna a rigore e formalismi senza fare a meno di dettagli ironici e virtuosismi glamour. I tessuti maschili aspri e pesanti prendono nuova vita sotto forma di strapless dress, coat stretti in vita, completi chiusi da un morsetto e abiti midi. Anche i tessuti militari sono riutilizzati per blazer bombati, long coat e gonne a sigaretta, mentre il nylon riveste tute mimetiche e divise da combattimento raffinate sotto il segno di Prada Linea Rossa. Terribilmente eleganti gli abiti rivestiti da pizzo nero e i maxi fiori in puro stile gotico che talvolta si trasformano in applicazioni 3D che sembrano prendere vita. Un po’ come fu per Frankenstein che fa la sua comparsa in passerella su t-shirt, top e un abito indossato da nientemeno che Cara Delevingne: nuova eroina dark di Prada?

Key pieces. Ad incrementare l’aura di mistero ci pensano gli accessori: combat boots e stringate assumono forme consistenti, mentre gli stivali si trasformano in calzatura utilitaria grazie all’aggiunta di pocket e le pump si vestono di raso o cristalli; le handbag in pelle seguono l’onda del minimalismo, i sacchetti di raso si colorano di applicazioni floral, le tote in nylon si riempiono di tasconi e gli zaini diventano furry. Il tocco finale? Un bel paio di lunghe trecce per trasformarvi in moderne Mercoledì Addams dal fascino terrificante.



Potrebbe interessarti anche