News

Fashion Show Radiography: l’ennesimo successo di Bottega Veneta

Alessandra Cesana
24 Febbraio 2020

Uno degli appuntamenti più attesi della Milano Fashion Week è senza dubbio il défilé di Bottega Veneta. Ancora una volta Daniel Lee sorprende per le declinazioni inedite rispetto ai temi cari alla Maison, affrontate con un nuovo approccio che parte da una riflessione sul movimento.

La location. Il Palazzo del Ghiaccio, edificio in stile liberty, viene trasformato in una villa palladiana: su una successione di quinte bianche vengono proiettati archi e statue che ci trasportano in un altro mondo, fatto di linee perfette e proporzioni armoniche.

La collezione. Lo show per l’autunno-inverno 2020/2021 si apre con una serie di look maschili neri, semplici, lineari: minimalisti, in perfetto stile Daniel Lee. Ad altrettanti look femminili che esaltano la silhouette sottile, segue un’esplosione inaspettata di verde kiwi. Sebbene prevalgano i colori neutri e il nero, compaiono in passerella piccoli accenti coloratissimi specialmente negli accessori e inalcuni abiti ultra femminili rosso scarlatto e fucsia lollipop. Torna ad essere protagonista l’Intrecciato, declinato in borse a spalla maxi, pouch e persino piumini in pelle per lui. Il vincitore del British Fashion Award porta sotto i riflettori le frange, prolungamento – dall’effetto cinetico – di cappotti, abiti e borse.

Key-pieces. Abbandonati i combat boots, Daniel Lee punta tutto sui texani, a metà polpaccio o in versione cuissard. La punta diventa squadrata, la suola in cuoio si fa maxi: questi stivali sono già destinati a diventare le hit shoes della prossima stagione.

Front row. Oltre all’esercito di fashioniste e influencer che indossano Bottega Veneta sette giorni su sette, in prima fila sono stati avvistati gli attori Kasia Smutniak, Tessa Thompson e Barry Keoghan pronti ad applaudire le uscite delle top Mariacarla Boscono e Vittoria Ceretti.



Potrebbe interessarti anche