News

Felipe Oliveira Baptista lascia Lacoste

Martina D'Amelio
3 maggio 2018

Direttore creativo di Lacoste dal 2010, Felipe Oliveira Baptista abbandona il suo ruolo. Una decisione presa in house allo scopo di ripuntare sulle radici sportive del brand, con una guida diversa.

La scelta del ceo Thierry Guibert riflette una nuova strategia per il marchio del coccodrillo, che ha già operato uno spostamento del proprio fashion show ready to wear dal calendario della NYFW a favore della Paris Fashion Week. “Oggi la moda non è statica. Mi piace l’idea di alcuni marchi di organizzare eventi specifici in varie parti del mondo e sto valutando di replicare un format analogo per Lacoste” aveva dichiarato proprio Guilbert, sottolineando di voler riportare Lacoste alle proprie origini. Una strategia per ora messa in atto con il ritorno su suolo francese, oltre che attraverso capsule collection ad hoc volte a celebrare l’heritage del brand (che nel 2018 compie 85 anni). Ma, evidentemente, non basta: ecco quindi l’allontanamento del direttore creativo, che dal canto suo ha un curriculum di tutto rispetto. Ex Max Mara, Christophe Lemaire e Cerruti, dal 2003 al 2014 ha seguito la propria label, che nel 2005 ha sfilato anche nel calendario ufficiale della Couture. Durante la sua permanenza a Lacoste, Baptista ha inoltre collaborato con marchi e stilisti del calibro Maison Lesage, Jean-Paul Goude, Yazbukey e Supreme.

Chi prenderà il suo posto? Dai vertici di Lacoste intanto arriva la notizia che la collezione per la primavera-estate 2019 sarà disegnata dall’ufficio stile. “Una nuova organizzazione alla direzione creativa del marchio” sarà annunciata nei prossimi mesi. “Per Lacoste è il momento di una nuova tappa e io sono estremamente fiducioso nei futuri successi del nostro marchio, emblematico del know-how e dell’eleganza francesi“, ha continuato Guibert, annunciando anche il trasferimento degli uffici nella nuova sede nel 16° arrondissement di Parigi. Non resta che attendere per vedere i frutti di questo ormai avviato restyling. Formato polo, ovviamente.


Potrebbe interessarti anche