Musica

Festeggiando il compleanno di Barenboim e il grande ritorno di Abbado alla Scala…

staff
22 ottobre 2012

Un grande evento è alle porte, o meglio, tre eventi. Il ciclo “Il concerto per pianoforte e orchestra” alla Scala di Milano accosta in tre eccezionali concerti Gustavo Dudamel, Claudio Abbado e Daniel Harding, affiancati da Daniel Barenboim, per questa occasione in veste di pianista.

Le carriere musicali di questi grandi direttori sono strettamente intrecciate e la decisione di riunirli sul podio della Filarmonica ha un valore altamente simbolico.

Claudio Abbado infatti è stato il principale mentore, insieme a Sir Simon Rattle, nella carriera di un allora giovanissimo Daniel Harding, nominandolo proprio assistente alla direzione dei Berliner Philarmoniker, forse la più prestigiosa orchestra europea. D’altronde Abbado ha fatto molto anche per Gustavo Dudamel (che infatti lo considera il proprio massimo ispiratore musicale e umano) quando nel 1999, dopo averlo ascoltato dirigere la Simon Bolivar Orchestra, lo invitò a tenere un concerto alla Philarmonie di Berlino. Il ritorno di Claudio Abbado alla Scala è atteso con impazienza dal 1986, quando ne lasciò la direzione musicale e si trasferì a Vienna. Da allora, quello che è considerato da molti come il più grande direttore vivente al mondo, non è più tornato a Milano, la sua città natale. Ci ha provato nel Giugno 2010, ma per motivi di salute ha dovuto rimandare, ed è anche per questo che il concerto che lo vedrà protagonista il 30 Ottobre ha una grandissima importanza.
Tre concerti, quindi, in un arco di tempo molto breve che va da giovedì 25 Ottobre a mercoledì 7 Novembre. Dobbiamo ammettere, per completa onestà, che i biglietti sono tutti esauriti da tempo, ma riteniamo che l’importanza del momento sia tale da non potersi esimere dal comunicarlo.

Si parte questo giovedì con Dudamel e Barenboim: in programma il Concerto n°1 in re minore op. 15 di Johannes Brahms, il Concerto n°1 per piano e orchestra di Béla Bartok e la prima esecuzione assoluta di Dialogues II per piano e orchestra da camera, del compositore statunitense Elliott Carter, commissionata dalla Scala e dalla Staatsoper Unter den Linden di Berlino per festeggiare il 70° compleanno del M° Barenboim, il giorno 15 Novembre. Il secondo concerto, sicuramente il più atteso del ciclo, vedrà il grande ritorno del M° Abbado sul podio scaligero per dirigere la Sinfonia n°6 in La minore “La tragica” di Gustav Mahler e il Concerto n°1 in mi minore op.11 di Fryderyk Chopin con Barenboim al pianoforte.

Il compito di chiudere questa incredibile triade musicale spetta al giovane Daniel Harding che si confronterà insieme a Barenboim con due classici del repertorio concertistico quali il Concerto n°3 in do minore per piano e orchestra di Ludwig Van Beethoven e il Concerto n°1 in sib minore op.23 di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Eva Marti


Potrebbe interessarti anche