Luoghi

Fiorisce la Magnolia del Four Seasons Hotel di Firenze: il pollice verde è Haruo Ichikawa

Giorgia Giuliano
12 Giugno 2019

Di assi nella manica il Four Seasons Hotel di Firenze ne ha ben quattro: quello che fa più luce è il ristorante stellato Il Palagio, seguito dal più informale Atrium Bar & Lounge e dall’estiva Trattoria Al Fresco per cui la pizza si gusta a bordo piscina.

Chissà se anche i giapponesi giocano a carte! L’asso di cuori è infatti nipponico e pulsa di sapori equilibrati, fini ma incisivi, consapevoli e riscoperti: ha aperto da pochi giorni il nuovo Asian GastroBar fiorentino, la cui offerta gastronomica è curata interamente da Haruo Ichikawa. Proprio lui che con il suo tocco ha tracciato il percorso a quella stella che nel 2015 ha scelto di fermarsi sul ristorante Iyo di Milano, consacrandolo come il primo ristorante di cucina etnica a ricevere una stella Michelin in tutta Italia. Ichikawa dona a Magnolia – questo il nome scelto per il nuovo nato del Four Season di Firenze – tutta la sua esperienza culinaria e per di più anche il suo signature dish vegetariano: Nimono – a base di cardoncelli, bamboo, patate taro, melanzane, taccole e konjac cotti in salsa di soia e mirin.

Per avere intesa in cucina non serve affatto parlare la stessa lingua: a contare è tanto il dialogo tra le materie prime quanto quello tra le lame dei coltelli che, alla fine di una conversazione più o meno sapida, danno vita ad un menu panasiatico che propone un po’ tutti i tesori del mare – dal granchio reale ai gamberi rossi, astici e ricciole.

Insieme ad Ichikawa c’è Vito Mollica, Executive Chef del Four Seasons che ha subito ben accolto quel nuovo punto di vista così poco fiorentino ma così tanto innamorato dell’Italia sin da quando Ichikawa era un giovanotto. Alle proposte gastronomiche di Magnolia si affianca poi una drink list certamente fusion, curata dal bartender Karem Pasqualetti.

Il GastroBar Magnolia sarà aperto per tutta la Summer Season già a partire dalle 17 per godersi un aperitivo all’interno dello storico edificio “La Villa”, con possibilità di accomodarsi nella bellissima veranda con affaccio sulla terrazza.

Pare che le cene d’estate non saranno proprio tutte alla fiorentina.



Potrebbe interessarti anche