Arredamento

Fuorisalone 2018: la guida agli eventi dedicati al design

Alessandra Cesana
17 aprile 2018

Phillip K. Smith III, Open Sky

Dal 17 al 22 aprile arriva la Milano Design Week 2018: la città si popola, si respira aria di creatività, quasi di festa. È ormai il Fuorisalone, evento collaterale al Salone Internazionale del Mobile di Milano, a suscitare curiosità e a registrare la maggior affluenza. Il fil rouge dell’edizione di quest’anno è la sostenibilità, interpretata dai creativi nei modi più disparati, legati al tema della città del futuro e dell’ambiente domestico, fino ad arrivare agli oggetti e all’arte. In ogni dove si nascondono installazioni, mostre, presentazioni e altro ancora, ma, per non perdervi, ecco una pratica guida con il best of del design: tutti gli eventi da segnare in agenda!

1. Il Superstudio Art Point in via Tortona 27 ospiterà la mostra “Forms of movement” di Nendo, nome dietro al quale si nasconde Oki Sato. In scena opere dell’architetto che nascono dalla sua collaborazione con Daikin e dalla sperimentazione di una nuova gomma sintetica ad alte prestazioni, sviluppata dall’azienda. Con una superficie di 800 metri quadri, il creativo racconta 10 concept basati su diverse interpretazioni del movimento.

Nendo, Forms of movement


2. Sempre al civico 27 di via Tortona, per il progetto “Design in the Age of Experience”, l’installazione di Kengo Kuma and Associates per Dessault Systèmes, che porterà in scena un nuovo modo di rispondere al problema dell’inquinamento dell’aria.


3. Anche quest’anno Louis Vuitton torna protagonista del Fuorisalone. Lo splendido Palazzo Bocconi, al civico 48 di Corso Venezia, sarà lo scenario della collezione, creata nel 2012 e ispirata alle origini del brand, “Objets Nomades” con due new entry: il Diamond Mirror di Marcel Wanders e il Ribbon Dance di Andre Fu. Sarà possibile inoltre vedere per la prima volta “Louis Vuitton Les Petits Nomades”, con oggetti per la casa disegnati dai big Patricia Urquiola, Humberto e Fernando Campana, Atelier Oï e Marcel Wanders.

4. Ogni anno aspettiamo di vedere cosa ha in serbo per noi: Cos, per il Fuorisalone 2018, ha scelto di collaborare con Phillip K. Smith III. Nel cortile di Palazzo Isimbardi, in corso Monforte 35, l’artista americano creerà l’installazione luminosa “Open Sky”, un nuovo modo di vivere la luce in relazione al tempo.

5. Da Quadrilatero della moda a Quadrilatero del design. Le vie dello shopping di lusso – Montenapoleone, Verri, Sant’Andrea, Santo Spirito, Gesù, Borgospesso e Bagutta – ospiteranno, oltre a numerose iniziative all’interno delle boutique, “MonteNapoleone Design Experience 2018”, mostra fotografica legata all’architettura milanese.

6. Rinascente Milano, che è stata fucina di grandi talenti anche nell’ambito del design, propone per l’occasione numerosi eventi, installazioni, cortometraggi, talk e presentazioni, oltre al lancio di speciali capsule collection. Non fermatevi quindi alle vetrine, tappa fissa di ogni milanese (e non), perché all’interno c’è tanto da scoprire.

7. Dal 17 al 25 aprile in piazza Duomo andrà in scena “Living nature. La natura dell’abitare”, un percorso emozionale ed esperienziale che si svilupperà attorno a quattro aree caratterizzate da microcosmi diversi: Inverno, Primavera, Estate e Autunno coesistono qui temporalmente e spazialmente. Sponsorizzato dal Salone del Mobile e progettato dallo studio Carlo Ratti Associati, il padiglione è basato sull’applicazione di criteri di risparmio energetico.

Carlo Ratti Associati, Living nature. La natura dell’abitare

8. In via Festa del Perdono, l’Università degli Studi di Milano sarà, come ogni anno, uno dei cuori pulsanti della Design Week meneghina, location di numerose e suggestive installazioni. Il tema di questa edizione per la Cà Granda del Filarete, ma anche per l’Orto Botanico di Brera, si chiama “House in Motion”. Ci parlerà di due concetti agli antipodi e al tempo stesso ormai vicini: l’abitare e la mobilità.

9. Come accennato, l’Orto Botanico di Brera, piccolo gioiello verde nel cuore di Milano, ospita una parte del progetto “House in Motion”. Sarà qui possibile addentrarsi nell’installazione “smarTown” ideata dal gruppo di architetti SOS (School of Sustainability) e da Mario Cucinella, in collaborazione con Eni Gas e Luce.

SOS e Mario Cucinella, smarTown

10. Sarà difficile non notare, di fronte all’Accademia di Brera, la “Sedia Portaritratti” del grande maestro Gaetano Pesce, gigante scultura alta ben quattro metri. Decorata con 20 volti umani, l’opera porta in scena il tema della diversità.

11. A due passi dalla Pinacoteca di Brera, piazza San Marco è stata scelta dalla Maison di Champagne Perrier-Jouët come location per “Becoming”, installazione luminosa realizzata da Luftwerk, il noto duo di artisti di Chicago che ha lavorato a progetti di architettura di Renzo Piano, Frank Lloyd Wright e Mies van der Rohe. Presentata alla scorsa edizione del Miami Art Basel, con la Design Week l’installazione arriva per la prima volta in Europa. Che cosa vedremo? Un giardino 2.0, immersivo ed esperienziale.

12. La Borsa Italiana, impegnata nel progetto Finance for Fine Arts, ospiterà la mostra “Sul filo dello Spazialismo. Esperienze tessili di Lucio Fontana”, dove sarà possibile ammirare due rari tessuti disegnati dell’artista. Il primo, dal titolo “Concetto Spaziale”, è stato realizzato nel 1954 per la poltrona Distex di Gio Ponti prodotta da Cassina. Il secondo, “Galassia”, risale al 1955 e si è guadagnato la copertina del numero 331 di Domus.

13. Anche quest’anno da non perdere l’appuntamento col design francese. Dal 17 aprile al 19 maggio, Palazzo delle Stelline sarà la location di “Le French Design Speed Dating exhibition”, un viaggio nel mondo creativo francese in cui gli speed dating hanno portato alla creazione di capolavori.

14. Il brand Tissot è promotore del progetto “Corallo” di Cristina Celestino. La designer reinterpreta lo storico tram milanese 1928 e lo trasforma in un salotto su rotaie, che custodisce al suo interno tre orologi della collezione Everytime Swissmatic. Con partenza da piazza Castello, sarà possibile vedere la città da un punto di vista privilegiato, in un connubio di tradizione e contemporaneità.

Cristina Celestino, Corallo



15. Anche quest’anno non poteva mancare il Design Pride. Organizzato da Seletti, parteciparanno numerosi brand tra cui Gufram, Toilet Paper Magazine, Heineken, Saviola Holding, Hospitality Truck by Trasporti Delta S.r.l, gli studenti dello IED Milano e tanti designer. Appuntamento il 18 aprile alle ore 18.00 in piazza Castello, direzione piazza Affari, per concludere con un party.

16. Il 14 aprile la Triennale di Milano inaugura il “Triennale Design Museum”. Fino al 20 gennaio 2019 in mostra 180 pezzi iconici del Novecento, organizzati secondo cinque tematiche: Geografia, Comunicazione, Politica,Tecnologia ed Economia.

17. In occasione del 90° anniversario di Domus e della Design Week, la Galleria Sozzani ospiterà “Domus 90. Gio Ponti”. Curata dalla rivista, la mostra racconta la vita, le opere e il genio dell’architetto che ne ha fatto la storia: è stato direttore per quasi 40 anni. Verranno qui esposti numerosi tesori provenienti dai Gio Ponti Archives e da quello di Domus: un’occasione da non perdere!

18. Per i più appassionati di design, concludiamo con una serie di eventi imperdibili: gli Icon design talks, proposti quest’anno per la seconda volta. Numerosi i protagonisti: Stefano Boeri, Hans Ulrich Obrist, Ron Gilad, Patricia Urquiola, Giulio Iacchetti, Mario Cucinella e molti altri. Dove? Alla Microsoft House, in viale Pasubio 21 e al Nuovo Palazzo del Cinema Anteo.


Potrebbe interessarti anche