Musica

Gioachino Rossini va in mostra alla Scala

Alessandra Cesana
8 aprile 2018

Il Museo del Teatro alla Scala inaugura “Gioachino Rossini al Teatro alla Scala”, una mostra celebrativa del più grande compositore italiano, a 150 anni dalla sua scomparsa.

Dal 17 aprile al 30 settembre il pubblico ripercorrerà, attraverso le oltre 100 opere esposte, la vita, le composizioni e i successi dell’artista pesarese. Oltre ai ritratti e ai cimeli già presenti nella collezione permanente, si aggiungono il manoscritto di Tancredi (1813) e una serie di allestimenti scaligeri delle opere rossiniane: una nuova modalità per vivere il passato e comprendere l’importante patrimonio artistico e musicale lasciatoci in eredità dal musicista. Tra i diversi scenari esposti quelli realizzati da Sanquirico, Benois, Ponelle, Ronconi, Pizzi e la recente firma di Salvatores per La gazza ladra, opera semiseria del 1817, riproposta per l’occasione da Riccardo Chailly nel programma della scorsa stagione.

La mostra, curata da Pier Luigi Pizzi, presenta un nuovo sistema di illuminazione realizzato in collaborazione con Edison, che nel 1883 portò per la prima volta la luce alla Scala, e da Marco Filibeck, Responsabile Realizzazione Luci presso il Teatro. La rassegna va di pari passo con un programma musicale in ricordo dell’artista, che prevede l’esecuzione della “Petite messe solennelle” con il Coro diretto da Bruno Casoni a Milano, Lodi e Varese il 9, 10 e 13 marzo.

 

“Gioacchino Rossini al Teatro alla Scala”
17 aprile 2018 – 30 settembre 2018
Museo del Teatro alla Scala
Orari: tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.30


Potrebbe interessarti anche