Destinazioni

Hanami: 5 città europee dove contemplare la fioritura dei ciliegi

Silvia Ragni
12 aprile 2018

Tempo di primavera, tempo di Hanami. L’Hanami (in giapponese, “guardare i fiori”) rientra, da sempre, tra i più affascinanti e secolari rituali del Sol Levante. La fioritura dei ciliegi è un momento attesissimo, vagheggiato e iper celebrato: non è un caso che il fiore del tipico ciliegio nipponico, il sakura, in Giappone venga considerato un vessillo nazionale. Emblema di bellezza e di caducità, il sakura raggiunge l’apice della meraviglia durante la fioritura; ma la sua è una grazia effimera, di breve durata, perchè appassisce o abbandona il ramo al colmo del suo splendore. Proprio come l’esistenza, il sakura possiede una precarietà intrinseca e il suo incanto è destinato a non durare. Il Samurai è la figura che ne incarna le doti per eccellenza: leale e puro, è disposto a donare la vita in nome dei propri ideali. Ma il fiore di ciliegio, nella sua ciclicità, è anche simbolo di rinascita e di bellezza sopraffina. Da oltre mille anni i giapponesi la omaggiano dirigendosi, ogni Primavera, nei luoghi in cui la fioritura ostenta una spettacolarità mozzafiato: l’Hanami si svolge sotto le immense “nuvole rosa” delle chiome dei ciliegi in fiore, delle quali viene venerato il fascino nel corso di picnic in cui dolci, pietanze e bibite “sanno” di sakura e si tingono del suo etereo colore. Un esempio? I tradizionali Sakura–Mochi, dolcetti a base di riso glutinoso e pasta di fagioli rossi da servire rigorosamente avvolti in una foglia di ciliegio. Chi non ha un viaggio nel Sol Levante in previsione, però, non dovrà privarsi di quest’esperienza potentemente attrattiva: ormai, l’Hanami è un rito praticabile anche in svariate metropoli europee. Ve ne indichiamo cinque, dove potrete contemplare la fioritura dei sakura immersi in atmosfere inedite e a dir poco suggestive.

AMBURGO
La Japanisches Kirschblütenfest, festa dei fiori di ciliegio che la comunità giapponese organizza a Maggio con cadenza annuale, ogni due anni prevede l’elezione di una “Principessa del Fiore di Ciliegio” incaricata di curare le relazioni tra la Città Anseatica e il Giappone. Quest’anno, la Kirschblütenfest festeggerà il suo 50mo anniversario con i consueti fuochi d’artificio sul lago Alster: un’esplosione di bagliori che sfavilla tra i ciliegi dell’Alsterpark. Di sakura, infatti, Amburgo abbonda. Negli anni ’60 la comunità giapponese ne donò alla città a centinaia per ringraziarla della sua accoglienza, e a tutt’ oggi sono circa 5000. La prossima edizione del Festival si terrà il 25 e il 26 Maggio, e sarà arricchita da specialità gastronomiche oltre che da prodotti tipici del Sol Levante.

ROMA
Sperimentare la magia dell’Hanami senza uscire dall’Italia si può, e per l’esattezza nella Città Eterna. Basta raggiungere il laghetto dell’EUR e percorrere la Passeggiata del Giappone: un iter inaugurato nel 1959 grazie al Primo Ministro Giapponese Nobosuke Kishi, allora in visita ufficiale nel Belpaese. Il Ministro donò a Roma 2500 sakura, 150 dei quali costellano questa pista ciclabile e pedonale. Gran parte degli alberi è stata affiancata da esemplari più recenti nel 2015, così da rinvigorire la fioritura e infoltirla ulteriormente. Non è un caso che la Passeggiata sia oggi un luogo cult dell’Hanami italico e che i suoi visitatori, di ogni nazionalità e etnia, adorino unanimemente il rituale della contemplazione dei ciliegi in fiore.

COPENAGHEN
Anche la capitale danese vanta un’acclamata kermesse dedicata alla fioritura dei ciliegi: il Copenaghen Sakura Festival è un tributo alla cultura del Sol Levante sotto molteplici aspetti. Nel Langelinie Park, all’ombra delle maestose chiome rosa dei sakura, si assiste ogni anno a un vero e proprio trionfo di giapponesità che include degustazioni gastronomiche, stand di prodotti artigianali, performance di arti marziali (karate, judo e aikido, solo per citarne alcune), parate di danza Awa Odori (caratterizzata da movimenti energici cadenzati dal ritmo dei flauti e dei tamburi) e sfilate di kimono. Il rito dell’Hanami viene associato, inoltre, a picnic e a cerimonie del tè di profonda suggestività.

LONDRA
Gli immensi parchi cittadini forniscono innumerevoli occasioni per ammirare lo spettacolo dei ciliegi in fiore. Sakura in abbondanza campeggiano sulle aiuole dei Kensington Gardens, dove l’Hanami viene praticato dalla comunità e dalle tante associazioni culturali del Sol Levante. Dirigendovi ai Kew Gardens, i Giardini Botanici Reali di Kew, potrete inoltre ammirare un baluardo della cultura nipponica come il Chokushi-Mon, perfetta replica del Nishihonganji Karamon Gate di Kyoto edificato nel 1910 in occasione dell’Esibizione Britannica del Giappone. Se invece preferite godere dell’Hanami in tutto comfort, è tassativo fare un salto a Soho: nel ristorante giapponese Roka, infatti, si pasteggia sotto un tripudio fiorito di sakura dal 26 Aprile al 7 Giugno.

STOCCOLMA
Il must-see dell’Hanami svedese è rappresentato dai Kungsträdgården, gli antichi giardini pubblici di Stoccolma. Situati tra il centro storico e l’area moderna cittadina, sfoggiano miriadi di sakura lungo i due viali che delimitano il parco: in Primavera, la loro fioritura è sontuosa al punto tale da aver ispirato l’istituzione del Kungsträdgården Dag, il Giorno del Fiore di Ciliegio celebrato tutti gli anni dall’ Associazione Giapponese in Svezia. Questa festa “all’ insegna del colore rosa” si tiene il 22 di Aprile e, oltre all’esperienza dell’Hanami, offre la possibilità di esplorare stand che tra esposizioni di ikebana, bonsai, origami, kimono e manga sono un’autentica ode al savoir faire ed alle tradizioni “made in Japan”.


Potrebbe interessarti anche