Gossip

Harry e Meghan: la ristrutturazione-scandalo di Frogmore Cottage

Beatrice Trinci
27 Giugno 2019

Harry e Meghan protagonisti di un nuovo – ennesimo – scandalo. A far parecchio discutere il popolo britannico, stavolta, la ristrutturazione di Frogmore Cottage, la dimora di campagna in cui i coniugi reali hanno deciso di vivere dopo aver lasciato Kensington Palace.

I lunghi e dispendiosi lavori sono stati ufficialmente completati il 6 maggio scorso – ma a che prezzo! In totale, infatti, sono stati spesi 2,4 milioni di sterline (circa 2,7 milioni di euro), tutti soldi sborsati dai contribuenti britannici. Questo è quanto emerge dal report annuale di Buckingham Palace, secondo cui la royal family ha percepito nel 2018 82,2 milioni di sterline anziché gli usuali 76 milioni – una scelta che non ha entusiasmato particolarmente i sudditi di Sua Maestà.

“Come da progetto, sono stati convertiti cinque appartamenti in cattive condizione in un’unica unità abitativa, diventata la residenza dei Duchi di Sussex – si legge nel report che certifica come i soldi dei cittadini siano stati spesi a Palazzo, quasi a giustificarsi – I lavori sono iniziati a novembre e sostanzialmente finiti a marzo”.

D’altra parte, anche il Principe e consorte hanno messo le mani avanti, affermando di aver pagato anche di tasca loro. In particolare, i neo-genitori hanno comprato “tutto ciò che è mobile”, ovvero tutte le rifiniture e i complementi d’arredo necessari. Una spiegazione che non convince i tabloid britannici, che non hanno perso occasione per scagliarsi contro Meghan, sostenendo che l’ingente spesa sia ancora una volta frutto dei suoi soliti “capricci” da star.

Eppure sembra che i due abbiano addirittura fatto delle rinunce al fine di risparmiare: non è stata riservata, infatti, alcuna ala per Doria Ragland, la mamma della Markle, così come non è stato costruito ex novo un ambiente da dedicare allo yoga, disciplina tanto amata dall’ex attrice.

Insomma, tra report, speculazioni, rinunce ed eccessi, da che parte state?



Potrebbe interessarti anche