News

Il fashion weekend nella fashion week di Dolce&Gabbana

Martina D'Amelio
15 gennaio 2018

Domenico Dolce e Stefano Gabbana si confermano i re del menswear: per la settimana della moda al maschile portano in scena per Dolce & Gabbana ben tre sfilate in due giorni. Un fashion weekend nel cuore della fashion week.

Prima il defilé per l’autunno-inverno 2018/2019 al Metropol nella giornata di sabato. Poi il focus sullo sportswear al Martini Bar. E poi, domenica, un fashion show aperto al pubblico in Rinascente dedicato alla collezione Sartoria. Tutti a base di capi per lui da ricordare – perché in un modo o nell’altro, che piaccia o no, questi stilisti sanno come lasciare il segno.

Tutto inizia con i King’s Angels, angeli contemporanei che volano direttamente in passerella e, nella vita, solcano la strada del successo. Come il giocatore della Juventus Paolo Dybala e il cantante Riki, Paris Brosnan e Dylan Jagger Lee, insieme ad altri 100 influencer di portata internazionale tra cui ci sono anche il figlio di Puff Daddy e quello di Isabella Rossellini, che sfilano sulle note di Maluma. Vestiti di tutto punto in smoking oppure in felpa rosa e giacca denim, cosparsi di putti amorosi – e rose, corone, stucchi, cuori ex voto, stampati, dipinti, ricamati. “Perché ognuno ha il proprio angelo custode” sentenzia Stefano. E come dargli torto.

Il suo lavora bene, considerato il successo del defilé, pronto ancora una volta a sbancare nel segno del Made in Italy. Un destino segnato anche per la collezione sportswear, che va in scena nel locale di corso Venezia con The Unexpected Show e danza a ritmo di musica tra capi athleisure ispirati ai King del baseball e interpretati dai Millennials.

L’apoteosi del fashion weekend firmato Dolce&Gabbana? Lo show #DGSartoria nei grandi magazzini di Milano, aperto al pubblico: perché tutti hanno il diritto di assaporare un angolo di Eden. Ed ecco che i mortali ospiti accorsi applaudono questi sacri modelli in vestaglia di seta, completi di paillettes, doppiopetto ricamati, mocassini di velluto e cappotti disegnati. L’eccellenza dell’italianità a portata di pochi, ma presentata a tutti. Santi in Paradiso? Meglio sulla Terra.


Potrebbe interessarti anche