Lifestyle

Il gioco da tavola più glam dell’anno? È il Fashion Monopoly

Beatrice Trinci
11 Ottobre 2019

Non più alberghi e lussuosi edifici, oggi è la moda a conquistare il tabellone di Monopoly, che in occasione della PFW appena trascorsa ha svelato il suo lato più glam, diventando il primo gioco da tavola dedicato al fashion d’alta gamma.

Ideato dalla creatività dell’imprenditore Ramdane Touhami, e interamente realizzato a mano in soli 300 pezzi, il nuovo Monopoly ha tutte le carte in regola per diventare uno degli oggetti da collezione must dell’anno, un board game in edizione super limitata che non tarderà a far girare la testa alle giocatrici di ogni età.

Le regole? Le stesse. Una volta sferrato l’attacco, con un deciso – ma chic – lancio di dadi, preparatevi a mandare in bancarotta le it girls più accanite, al fine di costruire la vostra boutique dei sogni.

“Quello della moda e del design – spiega Touhami – funziona come il Monopoly tradizionale. L’idea è quella di fare più giri possibili, proprio come accade nella versione che conosciamo tutti. L’obiettivo è costruire il tuo primo negozio, fino allo scopo finale di diventare il più ricco del tavolo. Nelle regole è specificato che non bisogna farsi scrupoli con nessuno, tanto sono tutti ipocriti”. D’altronde non è un mistero che la moda sia un ambiente competitivo, facendo della rivalità allo stato puro l’ingrediente fondamentale per partire dal “Via” e arrivare a costruire un impero.

Nello specifico, al posto della stazione, della galera o di qualsiasi piazza centrale, le strade indicate sul tabellone sono le destinazioni shopping più famose e patinate al mondo, da Rue Cambon a Fifth Avenue, fino all’elegante quartiere londinese di Mayfair. Un mondo luccicante e lussuoso da vivere con ironia e leggerezza.

“Penso che al mondo della moda manchi molto senso dell’umorismo – conclude l’imprenditore – Giocarci, in fondo, potrà sembrare un tantino sarcastico, ma è comunque divertente”. E noi non potremmo che essere d’accordo.

 

 

 



Potrebbe interessarti anche