Leggere insieme

Il viaggio di Pippo

Marina Petruzio
27 dicembre 2015

x

Di Satoe Tone, vincitrice del Premio Internazionale d’Illustrazione alla Bologna Children’s Book Fair 2013, esce pubblicato da Kite Edizioni, Il Viaggio di Pippo un sogno lungo un anno dedicato a chi crede di non sapere o non volere più sognare.

Non possono non esistere i sogni e basterebbe guardarsi attorno, poter fare dei nostri occhi una lente per mettere a fuoco, imparare a guardare da prospettive differenti quanto c’è di magico ogni giorno attorno a noi.

Quanto il tempo scandisca nelle stagioni una meraviglia infinita, quotidiana, lenta nel suo mutare, rarefatta, ma ricca ed incredibilmente colorata. E che cos’è il sogno se non un altro punto di vista? Un altro asse dal quale guardare, riguardarci e desiderare le cose?

Satoe Tone prende per mano il lettore e lo conduce laddove lui non sa guardare, e partendo dallo stato d’animo di chi non sa sognare lo affida ad una pecora cardata e infiocchettata. Proprio lei, quella che viene contata metaforicamente nel lavoro più lento e noioso di dover riportare greggi infiniti all’ovile nel tentativo di addormentarsi. Quella pecora che ti acchiappa proprio sul 1302 e ti conduce attraverso un viaggio, quello della tua vita. Delle immagini che i tuoi occhi hanno già dentro di loro.

Per affrontare questo viaggio Pippo, un ranocchio azzurro proprio come un principe, con le gote rosse sotto i suoi grandi e rotondi occhi neri, sceglie di portare con sé solo una piccola bisaccia da portare a tracolla.

Tanto lui ormai non sogna più.

xxxxxx

Così inizia attraversando un cielo blu, il viaggio ed il sogno di Pippo alla scoperta di un mondo popolato di fiori, foglie, mari e stagni, di prati e mutanti stagioni, di colori e riflessi e dei desideri, dei sogni di tutti. Dei papaveri a maggio, di poter volare nel vento, dei viaggi e dei paesi lontani che vorrebbe poter esplorare un piccolo pesciolino rosso abitante nello stagno nel mese di giugno. Delle fragili campanule a luglio che vorrebbero toccare il cielo o nell’immensità del sogno di uno scuro fondo marino dove le meduse d’agosto vorrebbero poter fluttuare e volteggiare con le stelle. Nel bosco acceso del rosso dell’autunno dove gli alberi bramano i bambini ed i giochi dell’estate fra le loro fronde e tronchi. Il sogno di quel tocco, di quegli occhi curiosi quando si acquattano per non farsi scoprire o si trovano dopo tanto cercare. Nella pioggia di novembre sull’albero dai rami ormai spogli sedersi ed aspettare che smetta di piovere, che il piccolo uccellino giallo non si senta più solo, senza amici. Nel bianco dei fiocchi di neve che cadono silenziosi dove tutto diventa invisibile.

Tornerà a sognare Pippo?

xxxx

Sono bolle fluttuanti di un colore nebbioso, come visto da una lente, le foglie degli alberi di Satoe Tone, così come le code cotonate delle pecore, i fiori e le foglie dello stagno, le campanule così come i fitti fiocchi di neve. Nulla è stabile, tutto fluttua in un moto ascensionale come staccato dal fondo, scomposto dalla linea del prato o del campo, dal blu compatto del fondo del mare come piccole lanterne di colore.

Ed in questa rarefazione, con l’animo sereno scopriamo che sì!, sappiamo ancora sognare e che le cose che desideriamo sono dentro di noi, nei nostri occhi come in quelli degli amici con i quali incrociamo i nostri passi.

In una bolla di sapone per scoprire che nei sogni, a volte, è possibile ritrovar sé stessi e capire che cos’è la felicità.

xx

Buoni sogni e ottime feste!

Il viaggio di Pippo
di ed illustrato da Satoe Tone
Traduzione e adattamento: Giulia Belloni Valentina Mai
Editore: Kite Edizioni
www.kiteedizioni.it
Euro: 16,50
Età di lettura: per tutti i sognatori ed i loro amici


Potrebbe interessarti anche