Fashion

In giro per outlet

staff
29 ottobre 2012

Avrai bisogno di un aereo, un treno, addirittura una barca, un’automobile oppure, se sei più fortunata, una bicicletta  per arrivare in questi luoghi di culto, sempre un po’ lontani dalle città, ma “vaux le voyage”. È il paradiso di ogni donna amante dello shopping,  dei saldi. La gioia della donna che non è riuscita ad acquistare l’abito di quel famoso brand che le piaceva tanto. Questo è il  programma perfetto per un week end: l’Outlet.

L’outlet nasce negli anni Sessanta negli Stati Uniti. Si tratta di un negozio, più frequentemente di un centro commerciale dedicato alla vendita al dettaglio di prodotti di marchi famosi, invenduti, capi della stagione precedente o fuori catalogo. Il successo degli ultimi anni e la crisi hanno indotto  le case produttrici a creare delle linee espressamente dedicate a questo canale di distribuzione.

Per chi opta per  l’Italia propongo The Place Luxury Outlet di  Biella, dove ci accolgono La Perla, Gucci, Agnona, Bellora e la nuova apertura di Ermenegildo Zegna.

A Fidenza Village troviamo più di cento negozi dove spiccano Valentino, Paul Smith, Missoni, Armani, Wolford e Marni.

Negli Stati Uniti, troviamo la catena Premium Outlets, disseminata lungo tutto il territorio.

A Mendrisio, in Svizzera, scoviamo Foxtown, che propone – tra gli altri – Armani, Burberry, Dior, Gucci, Adidas, Pepe Jeans e United Colos of Benetton.

Las Rozas Village, nei pressi di Madrid, è l’outlet in stile far west, il più cool della Spagna.

Dopo un paio di ore d’aereo sbarco in Inghilterra, prendo il treno e arrivo finalmente al mio outlet preferito: Welcome to Portsmouth! Portsmouth, Pompey, la città della Royal Navy e dello storico Dockyard, ma anche del Gunwharf Quays, il suo Factory Outlet Village. Più di 90 marchi sparsi in un villaggio dedicato esclusivamente alla moda. Sto sognando?

Because everybody needs an outlet in life…

Eva Maroto


Potrebbe interessarti anche