News

Instancabile Berberè: a Milano con il primo Mikkeller Bar d’Italia

Giorgia Giuliano
12 Febbraio 2020

La pizza è una cosa tonda – ma così tonda che gira davvero ovunque. Ha un impasto iperattivo quella di Berberè dei fratelli Aloe, tant’è che per tutta Milano c’è traccia dei suoi spicchi: prima in zona Isola, poi sui Navigli, nel 2019 in Centrale e adesso pure in Corso di Porta Ticinese, al civico 1.

Il lievito madre è vivo ed è instancabile, e a dieci anni dalla sua nascita (il brand Berberè si sforna per la prima volta a Bologna nel 2010) continua a fare progetti. La nuova apertura di Milano è un batti cinque con il birrificio danese Mikkeller per la prima volta in Italia con ben dieci birre alla spina e alcune proposte in bottiglia o in lattina: Berberè includerà infatti il primo Mikkeller Bar in assoluto dello stivale.

L’accoppiata pizza e birra è certamente una garanzia, ma quando food e beverage condividono gli stessi valori, ecco allora che quella birra diventa una lunga, piacevole sorsata. Diversa forma ma stessa sostanza – in parole povere, Berberè e Mikkeller sono entrambe artigianali, pop e vicine alle persone e soprattutto sono inarrestabili. Per innovazione e studio, per l’originalità, per le poche pretese, perché entrambe hanno le bolle – una nell’impasto e l’altra nel bicchiere: la loro frizzantezza renderà Milano ancor più effervescente.

La pizza di Berberè ha reso il gusto universale perché col tempo si è guadagnata il 14esimo posto nella classifica Top50pizza e si è meritata anche i Tre Spicchi del Gambero Rosso, anche se le sue pizze di spicchi ne hanno otto. (Difficile dirlo ma) sono tutti da condividere perché è così che i Fratelli Aloe l’hanno pensata. Non serve il cemento a consolidare i rapporti.

Sarà pure (strepitosamente) leggera eppure la sua presenza a Milano si sente e a noi fa piacere. Il format convince le persone e parla con loro attraverso gli ingredienti: materie prime DOP, presidi Slow Food – il tutto, a rotazione perché da Berberè c’è posto per qualsiasi cosa. Anche per le novità che in Italia non si erano ancora mai viste.