Cultura

Béjart Ballet Lausanne e Jaquet Droz: un sodalizio d’arte e creatività

Flavia Rita Grotta Roldan
4 dicembre 2015

SEB_0874

È dal 2013 che Jaquet Droz collabora con il Béjart Ballet Lausanne, un incontro di due forme d’arte diverse, ma con affinità elettive parallele: da una parte l’amore per la danza di Maurice Béjart, ballerino classe 1927, appassionato e visionario, dall’altra Pierre Jaquet-Droz, mastro orologiaio appartenente all’epoca dell’Illuminismo, un’artista d’avanguaria in grado di anticipare i tempi ed incantare uomini e donne con i suoi segnatempo preziosi. Due uomini di periodi diversi, accomunati dall’amore per l’estetica, l’unicità e l’armonia in un incontro senza tempo.

La Maison di La Chaux-de-Fonds, oggi guidata da Marc Alexander Hayek, da sempre crea orologi preziosi, contraddistinti da un’eleganza evergreen. Il Béjart Ballet Lausanne è invece ora diretto da Gil Roman, un ballerino già dagli anni ’80 diventato celebre danzando in tutte le opere di Maurice Béjart, tra cui la Pyramide e Le Mandarin Merveilleux.

Una collaborazione unica che continua a stupire con il suo passato e presente, ma con lo sguardo proiettato verso il futuro.


Potrebbe interessarti anche