Moto

KTM 790 Adventure e Adventure R: due versioni per non porsi più limiti alla guida

Alessandro Spada
25 Dicembre 2018

KTM ha da poco presentato due nuovi modelli che sfruttano l’innovativo propulsore, bicilindrico parallelo frontemarcia, utilizzato anche sulla naked Duke 790: la 790 Adventure e Adventure R.

Queste due nuove versioni si pongono come ponte di collegamento tra le “vere” fuoristrada e le maxi enduro stradali. Sono mezzi ad alte prestazioni capaci di coniugare attitudini offroad degne di nota con una sorprendente versatilità nell’uso quotidiano. La 790 Adventure è la classica tuttofare ideale per ogni contesto di utilizzo, mentre la versione R è pensata per gli avventurieri più temerari e per affrontare le situazioni più impegnative – non a caso è stata sviluppata prendendo come riferimento le moto della Dakar.

Le linee sono le classiche del designer Kiska, spigoli vivi ben in vista e plastiche che sembrano tagliate con l’accetta. L’impatto estetico è particolarmente appagante e trasuda sportività e spirito d’avventura da qualunque angolazione.

Ciò che colpisce maggiormente della 790 è la sua notevole compattezza senza però rinunciare al comfort. Tutto è studiato nei minimi dettagli sia per garantire una grande sfruttabilità su strada sia per ottenere un buon controllo nei percorsi più tortuosi lontano dall’asfalto.

Il motore è lo splendido due cilindri in linea LC8 da 95 cv caratterizzato da una notevole erogazione della coppia e da un’elevata efficienza che le consente di percorrere fino a 400 km con un pieno di carburante. Grazie a due contralberi di equilibratura, il propulsore permette di poter viaggiare in maniera fluida per lunghi tragitti senza la minima vibrazione.

L’avanzato telaio tubolare in acciaio al cromo-molibdeno e il leggero telaietto posteriore a traliccio in acciaio sono stati progettati per risultare compatti ma robusti e in grado di sostenere viaggi lunghi a pieno carico anche nelle situazioni più gravose. L’ammortizzatore di sterzo contribuisce alla stabilità nella guida più sportiva mentre le ruote da 21” all’avantreno e 18” al retrotreno garantiscono prestazioni elevate in fuoristrada.

L’ergonomia ben studiata e il baricentro basso permettono alla KTM 790 Adventure di comportarsi in maniera brillante tanto in offroad quanto su asfalto.

I riding mode consentono di scegliere il carattere del motore ideale mentre il controllo di trazione MTC (Motorcycle Traction Control), sensibile all’angolo di piega, riduce lo slittamento della ruota posteriore in base alla situazione di guida.

A completare il quadro ci pensa il cornering ABS, anch’esso sensibile all’angolo di piega, dotato anche di una specifica mappa dedicata alla guida in fuoristrada.

Gli elementi che differenziano la versione R dalla “base” sono le ruote tassellate di serie, il parabrezza basso (ideale per la guida in piedi in offroad),  la sella in un unico pezzo, il becco del parafango anteriore, la regolazione in altezza del manubrio e le colorazioni di chiara ispirazione racing.

Come ogni KTM che si rispetti la lista degli optional è molto ricca e permette di allestire la moto con borse, valigie, protezioni e tutto quello che serve per rendere la propria 790 Adventure o Adventure R una moto pronta all’avventura.

Che si tratti di deserto, di remoti sentieri di montagna o del semplice tragitto casa-ufficio poche altre moto possono vantare un connubio simile tra versatilità, leggerezza e performance.


Potrebbe interessarti anche