Beauty

La beauty routine per combattere l’inquinamento

Giovanna Lovison
8 Giugno 2018

Smog, polveri sottili, fumo, raggi UVA ed UVB sono soltanto alcuni dei fattori ambientali che mettono a dura prova la salute e la bellezza della nostra pelle. L’inquinamento è una delle prime cause di malessere e inestetismi della pelle, soprattutto se abitate o frequentate assiduamente le grandi città: perdita di luminosità, congestione, imperfezioni, pori dilatati, punti neri sono soltanto alcuni dei sintomi più comuni ma, nel corso del tempo, si verifica anche una vera e propria ossidazione dei tessuti, un invecchiamento precoce e la comparsa di linee sottili dovute alla disidratazione.

Come sempre quando si tratta di cura della pelle, prevenire è meglio che curare e risulta fondamentale prendersi per tempo. Cosa possiamo fare? Sicuramente ricorrere a prodotti su misura, pensati per agire su diversi fronti. Da un lato, è importante rimuovere le tracce di inquinamento utilizzando struccanti e detergenti come quelli di Clarins o Chanel che non tolgano solo il trucco ma anche le particelle inquinanti mentre dall’altro è bene ricorrere a formule che proteggano nel corso della giornata, neutralizzando gli effetti negativi.

Ancora, c’è un fondotinta di Deborah che potenzia l’azione protettiva della skincare e un prodotto Décleor da utilizzare durante il giorno e che agiscono come barriera evitando l’assorbimento degli agenti inquinanti.

A ciascuna il suo.



Potrebbe interessarti anche