Fashion

La classe in una giacca

staff
8 ottobre 2012

Molti di voi penseranno che non vi sia alcuna distinzione tra giacca da giorno o da sera, bè… vi sbagliate.

In Inghilterra l’utilizzo della così detta dinner jacket ha una tradizione che risale al 1865 quando Henry Poole, sarto di Savile Row, la confezionò per il futuro re Edoardo VII, una giacca da fumo per preservare la giacca da sera. Questa giacca infatti non può essere indossata prima delle 18; quindi se vi invitano ad un cocktail party pomeridiano non azzardate una scelta di questo tipo perché incorrereste in una imperdonabile caduta di stile. Potete invece sfoggiarla nelle serate di gala, a teatro, ad una festa particolarmente elegante; ovviamente questi consigli sono per chi è fedele alla linea british, quella dell’eleganza sobria,  senza tempo.

Oggi però questi concetti sono stati stravolti e molti brand  presentano dinner jacket indossate con jeans strappati e sneakers, camicie aperte o t-shirts.

Le proposte  di Ermenegildo Zegna sono la giusta fusione tra le forme classiche e i tagli attuali. Bella l’idea di abbandonare cravatta e papillon e presentare le camicie aperte indossate sopra un dolcevita abbinato.

Brioni smitizza la giacca dando un accento di colore e sceglie il doppiopetto bianco, il monopetto burgundy con revères in seta lucida accompagnato da una camicia in nuance, il prugna per non dimenticare la giacca in seta giallo oro, eccentrica, ma chic.

 

Possiamo quindi affermare  che la dinner jacket è un  classico  e, se la indosserete con stile ed eleganza  vi renderà perfetti…perchè, come disse Coco Chanel: “la moda passa, lo stile resta”.

 

Federico Bianchi


Potrebbe interessarti anche