Destinazioni

La magia dell’inverno in Engadina

Alessandra Buscemi
4 Gennaio 2019

La valle dell’Engadina traccia la prima parte del percorso del fiume Inn e si divide in due parti; d’inverno, con il suo mantello bianco nevoso diventa un’immagine da cartolina, probabilmente per la presenza dei suoi scenografici laghi: Sils, Silvaplana, Champfer e Sankt Moritz. Intorno, fitti boschi di cembri e larici, il cui profumo resterà un ricordo indelebile. In questa cornice naturalistica unica al mondo, troneggia Suvretta House, residenza costruita all’inizio del 1900 che ha visto passare, tra gli altri lo Shah di Persia, Gregory Peck, ed Evita Perón.

Abbiamo chiesto a Peter Egli, GM di Suvretta House di raccontarci la magia dell’inverno in Engadina e le sue preferenze.

Secondo lei, perchè l’Engadina è ritenuta così speciale in inverno?
A mio avviso perché offre uno scenario spettacolare grazie ai suoi laghi ghiacciati, che giacciono nella valle circondata dalle maestose montagne innevate. Questo offre agli sciatori e non un’ampissima offerta di attività invernali, dallo sci al pattinaggio, passando dal trekking fino al curling. La ciliegina sulla torta? Nella maggior parte dei giorni il sole splende. È un posto unico, ed è in cima al mondo!

Quali sono i must per un weekend a Sankt Moritz?
Sicuramente una sciata sulle piste di Corviglia al mattino presto, e il pranzo sulla terrazza soleggiata del rifugio Trutz. Quando dall’alto si contempla la valle non si può che restare incantati, la natura è davvero incredibile. Il mio consiglio è dopo pranzo di scendere dolcemente lungo la pista Suvretta-Randolins e tornare verso Suvretta House per un momento rilassante in SPA tra la vasca idromassaggio e i trattamenti, mentre dalle vetrate si gode dell’atmosfera circostante – tra cui le evoluzioni piroettanti sulla pista di pattinaggio sul ghiaccio.

Sankt Moritz offre una vasta gamma di esperienze e attività, qual è il suo momento clou preferito della stagione?
Il mio momento preferito è il St. Moritz Gourmet-Festival (dal 13 al 20 gennaio 2019) in quanto offre ogni anno una nuova esperienza culinaria. Per più di un quarto di secolo, il Festival ha riunito alcune delle icone delle cucine di tutto il mondo. In 10 giorni è possibile provare non solo il cibo di chef stellati di fama mondiale, ma anche gustare i loro piatti saporiti negli hotel partner e nei loro ristoranti e questo a oltre 1600 metri sul livello del mare.
Tra gli altri appuntamenti infine ricordiamo: il Concours Hippique presso St. Moritz dal 17 al 19 gennaio, la Suvretta House Curling Week a fine gennaio, Cricket on Ice a metà febbraio e mercoledì 27 febbraio la private snow night sul Corvatsch: per una notte la pista da sci è esclusivamente illuminata per gli ospiti di Suvretta Snowsports School.



Potrebbe interessarti anche