News

La maratona solidale della moda per combattere il Coronavirus continua

Martina D'Amelio
18 Marzo 2020

L’emergenza Coronavirus non si ferma. Ma intanto i brand e le grandi aziende moda non restano a guardare. Dopo Giorgio Armani e Kering, ecco tutte le altre realtà che si schierano in prima linea per aiutare concretamente la sanità italiana a debellare il Covid-19.

Donatella Versace e Allegra Versace Beck donano 200mila euro al dipartimento di terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele di Milano. “In tempi come questi è importante essere uniti e supportare in ogni modo possibile tutti coloro i quali si trovano ogni giorno in prima linea a combattere per salvare centinaia di vite. I nostri cuori sono rivolti a tutti coloro che sono stati colpiti da questa malattia e a tutti i dottori e allo staff medico che hanno lavorato eroicamente senza sosta in queste settimane nello sforzo di prendersi cura dei nostri cari“, hanno commentato in una nota congiunta madre e figlia. Anche la famiglia Benetton fa la sua parte. Edizione, la holding che fa capo al marchio, ha deciso di donare 3 milioni di euro a sostegno degli ospedali Ca’ Foncello di Treviso, Luigi Sacco di Milano, Lazzaro Spallanzani e Agostino Gemelli di Roma. Prada invece ha donato due postazioni complete di terapia intensiva e rianimazione a ciascuno degli ospedali milanesi: Vittore Buzzi, Sacco e San Raffaele. Un altro nome che corre la maratona in favore della sanità italiana è quello di Redemption: il marchio italiano disegnato da Gabriele Moratti ha donato 50 mila euro all’ospedale San Raffaele di Milano.

Il settore calzaturiero non resta a guardare, anzi. Sergio Rossi e Giuseppe Santoni aiutano con le donazioni: il primo ha scelto di destinare all’Ospedale AAST Fatebenefratelli – Sacco di Milano 100mila euro. Inoltre, fino al 20 marzo i proventi delle transazioni sul sito del brand andranno devoluti alla lotta al Coronavirus. Il secondo invece lancia la campagna fondi #NoiSiamoLeMarche su Gofoundme: l’imprenditore calzaturiero decide di coinvolgere tutte le realtà marchigiane per aiutare le realtà sanitarie locali. La stessa idea, a livello nazionale, l’ha avuta anche la designer Elisabetta Franchi: la stilista, con una donazione iniziale di 50mila euro, ha lanciato la campaign #sevuoipuoi per aiutare gli ospedali della Penisola. L’appello è stato raccolto anche da Coccinelle, che con #Coccinellecimetteilcuore sulla stessa piattaforma mira ad aiutare la Regione Lombardia nella lotta al Covid-19. Anche Save the Duck, brand di piumini 100% animal-free, attiva una campagna di raccolta fondi per l’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Coronavirus e si impegna per sostenere l’Ospedale Sacco di Milano. Dal 12 marzo al 3 aprile 2020, infatti, il 20% del ricavato delle vendite online sarà devoluto alle Unità Operative di Malattie Infettive della struttura sanitaria milanese.

 

L’impegno di Luuk Magazine
Anche Luuk Magazine scende in campo nella lotta al Coronavirus con una campagna di raccolta fondi destinata all’Ospedale Sacco di Milano. Per tutti i nostri lettori che volessero aiutarci a donare, la trovate qui.

#andràtuttobene